Lou Reed: a due giorni dalla scomparsa

Di articoli che annunciano la sua morte ce ne sono tanti, ma oggi, a due giorni di distanza dalla sua scomparsa, vogliamo ricordare Lou Reed per quello che era: un maestro, un amico, una voce apatica, un inventore.

Si è spento all’età di 71 anni. Sembrerebbero ancora pochi, ma per una star del rock sono tanti: la droga e la vita psichedelica, vissuta al massimo non l’hanno fermato: idolatrava il rock’n roll e aveva ancora qualcosa da dire.

Era un animo sensibile, tormentato. Ha raccontato dell’altra faccia di New York: quella al di fuori di ogni scema, la mela tossica, inarrestabile e decadente.

Lo ricordiamo come ex leader dei Velvet Underground, un gruppo che ha fatto la storia degli anni 60-70 che si è fatta strata con argomenti tabù nella cultura hippie che stava invadendo l’America.

E’ stato un maestro per molti, un ispiratore: così lo hanno definito Patti Smith e David Bowie.

Era una personalità in continua crescita nonostante i suoi 40 anni di esperienza come musicista: ricordiamo la sua ultima collaborazione nel 2011 con i Metallica nell’album “Lulu”, il duetto nel 2008 a sorpresa con Moby durante un concerto che commemorava l’artista e poi David Bowie, John Cale e tanti altri.

Lou Reed ha fatto parte di quella generazione bella, innovatrice e con tanto da raccontare: ha trattato temi tabù, era amico del grande Warhol e ha sempre guardato al futuro.

Era un animo profondo, aperto alle nuove tendenze. Ha rivoluzionato a modo suo il rock e ha lasciato in tutti noi un segno indelebile.

La sua anima tormentata, i testi che parlano di droga e transessualità, i testi ispirati ad Edgar Alla Poe e Arthur Rimbaud, erano trasmessi dalla sua voce cauta, a tratti deprimente ma che, inevitabilmente, ti entra nel cuore.

Negli ultimi anni si era dedicato a una vita pacifica, fatta di Thai Chi e riposo. Il suo corpo non ha retto il trapianto di fegato e, così, è andato via, lasciandoci la sua musica che accompagnerà noi e le prossime generazioni.

Lo ricorderemo nelle notti in macchina con gli amici, ascoltando “Walk on the wild side”. Ciao Lou.

 

Naomi Mangiapia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.