martedì, Febbraio 7, 2023
HomeSerie TvLa vita bugiarda degli adulti, la serie tratta dal romanzo di Elena...

La vita bugiarda degli adulti, la serie tratta dal romanzo di Elena Ferrante arriva su Netflix

La Vita Bugiarda degli Adulti, l’attesa serie in 6 episodi tratta dall’omonimo romanzo di Elena Ferrante, sbarca su Netflix dal 4 gennaio.

“Essere sbagliati, disobbedienti, liberi e sguaiati, un ruolo per certi versi molto distante ma che mi aveva incuriosita solo leggendo il libro. Mi sono preparata forse per la prima volta tantissimo, a partire dal linguaggio, perché provavo un senso di ansia. Edoardo De Angelis è il regista più calmo con cui abbia lavorato, non ti mette mai in allarme”. Parola di Valeria Golino, uno strepitosa zia Vittoria, tra i protagonisti de La Vita Bugiarda degli Adulti, l’attesa serie in 6 episodi che sbarca su Netflix dal 4 gennaio, diretta da Edoardo De Angelis, prodotta da Fandango e tratta dall’omonimo romanzo di Elena Ferrante (Edizioni E/O).

Durante il suo percorso di crescita, Giovanna (la sorprendente debuttante Giordana Marengo) si confronta con gli adulti della sua famiglia, in particolare con i genitori Andrea (Alessandro Preziosi) e Nella (Pina Turco) e con la figura enigmatica della zia Vittoria (Golino).

La vita bugiarda degli adulti è scritta da Elena Ferrante, Laura Paolucci, Francesco Piccolo. “Le parole della Ferrante sono molto belle e aprirle per capire cosa ci fosse dentro è stato interessante – ha detto De Angelis -. Adattare un romanzo non è qualcosa di complicato, è come leggerlo. Quando leggo mi proietto nella mente alcune immagini, ed è anche per quello che certe volte abbiamo idee diverse rispetto a quello che vediamo sullo schermo”.

Per Preziosi, “la legittimazione della bugia è una componente fondamentale del racconto in genere. Quelle di quel mondo, di una certa borghesia, prima o poi vengono allo scoperto. Una esperienza che mi porterò sempre dentro, all’insegna della verosimiglianza della realtà”.

La serie è un ritratto del passaggio di Giovanna dall’infanzia all’adolescenza negli anni Novanta. La ricerca oscilla tra due Napoli consanguinee che però si temono e si detestano: la Napoli di sopra, che si è attribuita una maschera fine, e quella di sotto, che si finge smodata, triviale. Giovanna oscilla tra alto e basso, ora precipitando ora inerpicandosi, disorientata dal fatto che, su o giù, la città pare senza risposta e senza scampo.

Redazione Desk
Redazione Desk
Questo articolo è stato scritto dalla redazione di Road Tv Italia. La web tv libera, indipendente, fatta dalla gente e con la gente.
RELATED ARTICLES

ARTICOLI RECENTI