sabato, Febbraio 4, 2023
HomeCulturaJerry Calà a "Capri, Hollywood" per il premio alla carriera

Jerry Calà a “Capri, Hollywood” per il premio alla carriera

Jerry Calà racconta il suo prossimo progetto cinematografico a “Capri, Hollywood”, che gli assegna il 30 dicembre un premio alla carriera.

“L’anno prossimo torno al cinema: da febbraio giro un film a Napoli, come regista attore e sceneggiatore”. Lo racconta Jerry Calà a “Capri, Hollywood” che gli assegna il 30 dicembre un premio alla carriera.

“Ho già fatto sopralluoghi a Monte di Procida, che è un luogo straordinario, ma ambienterò la storia anche a Ischia perchè voglio che si torni a parlare di questa splendida isola come luogo del cinema, celebre per questo fin dagli anni 60. Al centro della storia ci sarà il rapimento di una star, non posso dire di più, sarà con una società di produzione napoletana e con attori partenopei”. E’ stato il volto degli anni ’80, un decennio per il quale si inizia a provare nostalgia, non solo al cinema.

“Moltissima – dice l’attore – Anche ai ragazzi di oggi piacciono quei film perchè è chiaro che allora ci divertivamo molto di più, c’era più entusiasmo. Possiamo considerarli come fotografie nitide di quegli anni, dai cafoni delle Vacanze di Natale ai rampanti di Yuppis. Oggi le condizioni economiche sono cambiate: un ragazzo non potrebbe più ‘andare a vivere da solo’ sopratutto con i prezzi di Milano! E comunque se rimangono a casa la colpa non credo sia di quelli che chiamano bamboccioni, ma dei genitori troppo protettivi”.

A Capri si racconterà anche in musica una carriera partita dal successo di Gatti di Vicolo Miracoli, passata per commedie iconiche ma anche per un cinema più impegnato. “Ho lavorato con Marco Ferreri, in “Diario di un Vizio”, guadagnandomi il premio della critica italiana a Berlino. Peccato poi non essere riusciti realizzare di nuovo insieme un secondo progetto. Poi con Avati, Marco Risi, lui aveva capito che potevo fare anche altro. Diciamo però che la mia parte comica ha avuto il sopravvento, e il pubblico poi bisogna rispettarlo. Continuo a fare più di cento serate l’anno e a suonare Maracaibo. Ma sono un settantenne ancora giovane. E pronto anche per altri ruoli!”.

Redazione Desk
Redazione Desk
Questo articolo è stato scritto dalla redazione di Road Tv Italia. La web tv libera, indipendente, fatta dalla gente e con la gente.
RELATED ARTICLES

ARTICOLI RECENTI