Inceneritore a Giugliano, manifestanti caricati dalla polizia in Regione (VIDEO)

No inceneritore a Giugliano: manifestanti caricati dalla polizia durante la protesta

di Giuliana Gugliotti

Mattina infuocata agli uffici regionali dell’assessorato all’ambiente dove i manifestanti del comitato No Inceneritore di Giugliano sono stati caricati e presi a manganellate dalla polizia.

 

GUARDA IL VIDEO DEGLI SCONTRI

 

Un gruppo di circa 50 attivisti del comitato No inceneritore a Giugliano hanno occupato questa mattina gli uffici dell’Assessorato all’Ambiente della Regione Campania in via De Gasperi. Presso l’ufficio dell’assessore Romano, infatti, la commissione incaricata della gestione del bando per la realizzazione del termovalorizzatore avrebbe dovuto aprire le buste contenenti le due proposte presentate nei giorni scorsi per la gara d’appalto.

Secondo quanto riferito dagli stessi manifestanti la tensione sarebbe esplosa durante la protesta: gli attivisti sono stati prima sgomberati con forza e cacciati dall’ufficio dell’assessore Romano, poi caricati e picchiati dalle forze dell’ordine durante l’uscita.

Ci hanno caricato senza alcun motivo” racconta uno dei rappresentanti del comitato No Inceneritore, che mostra una mano insanguinata. “C’erano dei ragazzi giovanissimi, donne e persone anziane” spiega, ma questo non è bastato a impedire la violenza.

I manifestanti, tuttavia, non si arrendono e presidiano ancora l’ingresso degli uffici della Regione. Intanto, circa 200 persone, per lo più studenti, si sono raccolti in un mini-corteo e, attraversando piazza Bovio, stanno raggiungendo gli attivisti in via De Gasperi per unirsi alla protesta.

14 ottobre 2013

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.