lunedì, Settembre 27, 2021
HomeCultura"Il disertore", intervista esclusiva con Ester Palma

“Il disertore”, intervista esclusiva con Ester Palma

“Il disertore”, il desiderio in tutte le sue sfaccettature nel libro di Ester Palma ambientato durante la Seconda guerra mondiale.

Ester Palma è una collega giornalista del Corriere della Sera, scrive anche testi teatrali e fa parte del Consiglio di disciplina dell’Ordine dei giornalisti del Lazio. E’ anche opinionista tv. Il suo nuovo libro è “Wunderbar- il disertore”, un romanzo ambientato durante la Seconda guerra mondiale. Il protagonista è un ragazzo tedesco, Robin, prima soldato e poi disertore, che sin da bambino ha vissuto soprusi e sofferenze. Accanto a lui però arriva una ragazza italiana, Susanna, la nipote del padrone della casa dove il giovane trova rifugio dopo aver disertato. Il loro è un amore vero, indistruttibile, nonostante la vita li metta a dura prova. L’ex soldato sarà disposto a tutto per quell’amore. La vita gli ha fatto conoscere la ragazza dei suoi sogni e la sua famiglia. Non li tradirà mai. Neanche quando sarà catturato dai suoi ex compagni e torturato.

“Il disertore” è un romanzo che fa riflettere sugli orrori della guerra, su come l’uomo possa diventare cattivo pur di perseguire i propri scopi di conquista. Ma è l’amore per la propria donna, per la famiglia e per la libertà che trionfa sul dolore e sulla morte. L’amore nel libro ha una funzione salvifica, se vissuto come desiderio che attende e proprio nell’attesa cresce e si rafforza.

"Il disertore", intervista esclusiva con Ester Palma
Ester Palma

Ester, innanzitutto grazie per l’intervista cara collega. Dimmi, cosa rappresenta per te il giornalismo e la comunicazione culturale?
Il giornalismo è ed è stato la mia vita: ho iniziato a poco più di 20 anni in piccoli giornali, poi ho collaborato e infine sono stata assunta al Corriere. L’ho amato e lo amo moltissimo perché mi permette di raccontare fatti, situazioni e problemi e dare voce a chi non riesce a farsi sentire nel segnalare storie, difficoltà e anche iniziative positive. Ecco, è questo il tipo di comunicazione che amo e che ho sempre voluto fare.

Come nasce la tua passione per la scrittura narrativa, che è ben diversa da quella giornalistica?
Da sempre sono stata affascinata dalle storie, vere e anche inventate. Peraltro ho sempre pensato che dietro a ogni persona, anche quelle dalla vita apparentemente più ordinaria, ci sia una storia che merita di essere ascoltata. E ho sempre scritto per me, per passione pura. Ma anche nel mio “Disertore” ho usato una scrittura il più possibile “giornalistica”, ovvero scorrevole e semplice, in grado di arrivare a chiunque. Che poi è la stessa dei pezzi per il Corriere.

La tua passione è raccontare storie, lo è anche la mia, quindi posso capirti. Oltre che dalla realtà dove prendi spunto per i tuoi romanzi?
Non prendo spunto dalla realtà, o molto poco. Semplicemente la storia nasce e si sviluppa mentre la scrivo, con svolte nella trama e irruzioni di personaggi che non avevo assolutamente previsto. Ma mi piace l’idea di trasportare il lettore in un altro tempo e in un altro mondo.

Veniamo a “Il disertore”, la tua ultima fatica letteraria, che fa parte della tetralogia intitolata “Wunderbar”, dove racconti una storia d’amore tormentata e totalizzante, ma più forte di tutto, anche più del dolore fisico e psicologico, più dei valori morali del protagonista maschile Robin, ambientato in un periodo storico complesso e dove tu poni l’accento sulla difficoltà dei rapporti umani e sul senso di lealtà che viene messo a dura prova durante le tremende vicende della Seconda guerra mondiale. Come è nata l’idea per questo romanzo?
Volevo esplorare l’amore in condizioni estreme: ovvero, come viene vissuto un sentimento così forte, puro, assoluto se i protagonisti devono scontrarsi con la sofferenza e la morte? La storia è nata così e poi si sviluppa nei seguiti della tetralogia, su altre linee narrative. Ma in fondo è attuale: nel senso che accade tutti i giorni nei tantissimi teatri di guerra del mondo, purtroppo anche oggi.

Nel libro si parla della difficoltà dei rapporti umani e sentimentali, da te raccontati attraverso la figura di Robin, orfano e poi disertore e combattuto dinanzi ai sentimenti che prova per Susanna. Storie universali che ben si addicono al presente funesto dei nostri giorni. Come li vedi tu ora i rapporti umani in questo mondo senza nessun valore dove il tempo è sospeso?
Credo che gli esseri umani e i sentimenti che li muovono siano sempre gli stessi: l’amore, la paura, il coraggio, l’odio e il desiderio. Cambiano però i modi di viverli. L’amore vissuto troppo in fretta, senza che abbia il tempo di consolidarsi anche affrontando delle prove e delle difficoltà, rischia di “consumarsi” altrettanto velocemente. Oggi stiamo vivendo una sorta di “dopoguerra”, anche se certamente la pandemia è cosa ben diversa dalla guerra vera: forse sarà più facile ai lettori immedesimarsi nelle vicende di Robin e Susanna, che riescono nonostante tutto a vivere il loro amore nella tragedia del loro tempo.

So che stai avendo un grande riscontro di pubblico per “Il disertore”. Quanto ti sorprende tanto entusiasmo e quanto invece lo potevi immaginare?
È bello vedere che tanti lettori, e soprattutto lettrici, sono stati “catturati” dal libro, che sono sorpresi e affascinati da Robin, Susanna e gli altri personaggi. Un po’ me lo aspettavo, ma vederlo mi rende davvero felice.

Grazie collega per l’intervista e ti auguro grande successo.
Grazie a te

"Il disertore", intervista esclusiva con Ester Palma
Daniela Merola
Napoletana, giornalista, formatrice culturale, ufficio stampa, scrittrice. Vivo per coltivare sogni. Amo lo spettacolo della vita.
RELATED ARTICLES

ARTICOLI RECENTI