Henrique e la carriera calcistica: “Ringrazio mio padre, è stato fondamentale”

Ai microfoni di GloboEsporte il calciatore brasiliano ha parlato della sua carriera nel mondo del calcio e della convocazione al Mondiale

Henrique Adriano Buss, meglio conosciuto come Henrique, è un calciatore azzurro approdato in terra partenopea durante il mercato di riparazione, a gennaio. In poco tempo il difensore/centrocampista brasiliano è riuscito ad inserirsi appieno nei moduli di mister Benitez, rientrando nei piani del tecnico spagnolo che lo ha impiegato, da titolare, fino al termine della stagione. La buona annata calcistica ha permesso al brasiliano di rientrare anche nella lista dei convocati del tecnico Scolari per il Mondiale che si terrà in Sudamerica.

Carriera calcistica

Ai microfoni di GloboEsporte Henrique ha rilasciato alcune dichiarazioni in merito alla sua carriera, evidenziando l’importanza della figura paterna nella sua crescita sportiva: “Mio padre è stata una figura fondamentale per me, una persona che mi ha sempre incentivato e che è sempre stato al mio fianco” ha dichiarato il calciatore. “Arrivava stanco a casa ma nonostante tutto prendeva la palla e andavamo in una terra vicino alla nostra abitazione poiché io volevo giocare a calcio con lui”.

Il primo provino al Coritiba

La prima volta che Henrique ha messo piede su un campo è stata nel 1998, sul campo del Coritiba, squadra con sede a Curitibia in Brasile: “Un giorno mi ha chiamato una persona vicina al Coritiba per un provino, lo realizzai e lo superai”. Una data importante, che ha segnato la carriera del calciatore: “Da quel giorno è iniziata la mia avventura nel calcio”.

Convocazione al Mondiale

Lo scorso mese il ct Scolari ha diramato la lista dei convocati per il Mondiale. Henrique è rientrato negli obiettivi del tecnico, che lo ha inserito nei 23 finali: “Il Mondiale? Ci ho creduto tanto e mi sono così focalizzato negli obiettivi. Le cose poi sono arrivate da se”.