Foto di Gianluca Vosa

Grande concerto di Gigi D’Alessio e Friends per duecentomila

Grande concerto di Gigi D’Alessio e Friends per duecentomila: “Questa deve essere la terra dei cuori, non dei fuochi”

Grande concerto di Gigi D’Alessio e Friends per duecentomila

E’ stata una festa straordinaria, che ha mostrato all’Italia una città bella e regale.  Il Capodanno a Napoli ha attirato tantissimi napoletani e turisti in Piazza del Plebiscito e la diretta video con Canale 5 e audio con RTL 102.5 ha fatto da cassa di risonanza ad un evento probabilmente molto più frizzante e dinamico del tradizionale Capodanno a Courmayer proposto da Rai Uno. Anche se dal punto di vista meteorologico, Napoli stanotte era freddissima, il calore della folla e l’indubbia bravura di Gigi D’Alessio nella conduzione hanno mantenutolo spettacolo sempre vivo. “Questa  non sia più la terra dei fuochi, ma dei cuori e dei suoni“,  il messaggio lanciato dall’artista napoletano al termine di una kermesse di oltre quattro ore di spettacolo dal vivo. Il cantautore partenopeo è stato affiancato sul palco da altri straordinari interpreti come Enzo Avitabile, Alex Britti. Francesco Renga, Fedex, Dear Jack, Anna Tatangelo. Anche Lina Sastri ha voluto presenziare, mentre la parte comica è stata affidata a Biagio Izzo e ai Ditelo Voi.

La mamma di Ciro Esposito: “Rispondete al male con il bene” 

Grande emozione quando sul palo anche Antonella Leardi, la mamma di Ciro Esposito, il tifoso partenopeo ucciso a Roma negli scontri prima della finale di Coppa Italia. Gigi D’Alessio si fa serio: “Di fronte alla dignità di una madre come lei, non ci deve essere più rivalità calcistica“. Poi le fa dono di una maglia della pace col simbolo delle tifoserie di Napoli e Roma. Quindi arrivano Maggio, Mesto e la Supercoppa Italiana. La mamma di Ciro poi si rivolge alla folla: “Dobbiamo chiudere col passato e lasciare spazio alla speranza e all’amore per il 2015. Abbraccio tutti coloro che hanno perso i propri cari per la follia dell’uomo e la criminalità. Ciro era pieno di vita e negli ultimi giorni ha avuto la forza di Dio. Ragazzi, rispondete al male con il bene“.

De Magistris non sale sul palco

Sul palco non è invece salito il sindaco Luigi de Magistris, che ha spiegato i motivi con un post: “Sono tra la gente della mia citta’, un fiume in piena ovunque, ma non sono salito sul palco nella mia qualita’ di sindaco in segno di rispetto per chi sta vivendo ore drammatiche”, riferendosi alle vittime napoletane del traghetto Norman Atlantic.