domenica, Agosto 14, 2022
HomeAttualitàGoogle cancellerà i dati di localizzazione di chi va nelle cliniche dove...

Google cancellerà i dati di localizzazione di chi va nelle cliniche dove si abortisce

Google ha annunciato che i dati di localizzazione degli utenti saranno automaticamente cancellati se visitano una clinica dove viene praticato l’aborto

Dopo giorni di silenzio sull’argomento, Google ha annunciato che i dati di localizzazione degli utenti saranno automaticamente cancellati se visitano una clinica dove viene praticato l’aborto. “Se i nostri sistemi identificano che una persona ha visitato una struttura (sensibile), rimuoviamo quelle voci dalla cronologia di localizzazione poco dopo la visita”, ha dichiarato in un comunicato Jen Fitzpatrick, vicepresidente del gruppo californiano.

La decisione arriva una settimana dopo che la Corte Suprema degli Stati Uniti ha annullato il diritto federale all’interruzione volontaria della gravidanza (VTP). I politici democratici e i gruppi per i diritti umani temono che le informazioni personali delle donne che hanno abortito o delle persone che le hanno aiutate possano essere usate contro di loro dai procuratori degli Stati conservatori che hanno vietato l’aborto.

Per questo da settimane chiedono alle principali piattaforme tecnologiche di smettere di memorizzare così tanti dati personali, dalle ricerche online sugli aborti agli spostamenti su applicazioni come Google Maps. Google, Meta (Facebook, Instagram) e Apple erano rimasti finora silenziosi. Fino a questo annuncio della società di Mountain View.

LEGGI ANCHE: Covid – Long Covid: convegno sullo Stato dell’Arte

Jen Fitzpatrick sottolinea che la cronologia delle posizioni è disattivata per impostazione predefinita e che gli utenti possono controllare cosa viene conservato o meno. Per quanto riguarda le richieste da parte delle autorità, Fitzpatrick assicura: “Teniamo conto delle aspettative di privacy e sicurezza delle persone che utilizzano i nostri prodotti e le avvertiamo quando accogliamo le richieste del governo, a meno che non siano in gioco vite umane”, ha aggiunto.

Tra le strutture sensibili interessate dalla sentenza di venerdì, Google annovera i centri di accoglienza per la violenza domestica, le cliniche per la perdita di peso e i centri di disintossicazione. Alcune leggi approvate anche prima della sentenza della Corte Suprema, come quella del Texas di settembre, incoraggiano i privati cittadini a citare in giudizio le donne sospettate di aver abortito o le persone che le hanno aiutate – anche l’autista di Uber che le ha portate in clinica, per esempio.

Le tecnologie di Google rischiano così di diventare “strumenti per gli estremisti che vogliono sopprimere le persone che cercano assistenza sanitaria riproduttiva”, hanno scritto 42 funzionari eletti statunitensi in una lettera aperta al capo di Google Sundar Pichai a fine maggio. “Perche’ Google conserva informazioni sulla posizione geografica di centinaia di milioni di utenti di smartphone, che condivide regolarmente con le agenzie governative”, hanno precisato.

Redazione Desk
Redazione Desk
Questo articolo è stato scritto dalla redazione di Road Tv Italia. La web tv libera, indipendente, fatta dalla gente e con la gente.
RELATED ARTICLES

ARTICOLI RECENTI