martedì, Maggio 18, 2021
HomeCronacaCome in Gomorra, le donne boss al vertice dell'Alleanza di Secondigliano

Come in Gomorra, le donne boss al vertice dell’Alleanza di Secondigliano

L’inchiesta che ha portato al maxi blitz di questa mattina ha confermato il ruolo apicale di quattro donne nell’Alleanza di Secondigliano.

Anche le donne erano a capo dell’Alleanza di Secondigliano: oggi, come ieri, l’inchiesta sulla federazione camorristica oggetto del maxi blitz di oggi, ha confermato il ruolo apicale delle tre sorelle Aieta (sposate con Edoardo Contini, Francesco Mallardo e Patrizio Bosti, ndr) e di Maria Licciardi (sorella del defunto boss Gennaro Licciardi e l’unica facente parte dei vertici ad essere sfuggita al blitz).

Non solo svolgevano il compito di tenere i contatti con i boss al 41bis ma prendevano decisioni importanti per la vita del potente cartello criminale che controllava le attività illecite in alcuni quartieri di Napoli e che avevano messo in piedi anche attraverso prestanome importanti attività imprenditoriali e commerciali in tutta Italia.

Come in Gomorra, le donne boss al vertice dell'Alleanza di Secondigliano
Redazione Desk
Questo articolo è stato scritto dalla redazione di Road Tv Italia. La web tv libera, indipendente, fatta dalla gente e con la gente.
RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

ARTICOLI RECENTI