martedì, Maggio 11, 2021
HomeCronacaGiovanni Iazzetta, il detenuto suicidatosi nel carcere di Poggioreale, era stato rifiutato...

Giovanni Iazzetta, il detenuto suicidatosi nel carcere di Poggioreale, era stato rifiutato dai familiari

Giovanni Iazzetta è ricorso al suicidio forse perchè non aveva più speranza. Perchè è così che doveva essere. Perchè è così che sarebbe stato chiunque si fosse trovato nella sua condizione. Aveva sbagliato Giovanni Iazzetta, originario di Afragola, una vita difficile, nella zona dei cosiddetti “mattoni”, detenuto nel carcere di Poggioreale, a Napoli. Ma il giudice gli aveva applicato la misura alternativa degli arresti domiciliari. Peccato che, però, non sapesse dove trascorrerli. Si perchè era stato rifiutato dai suoi familiari.

 

I volontari del carcere avevano trovato un dormitorio dove far trascorrere i domiciliari a Giovanni Iazzetta

E allora, a 51 anni, la notte del 5 maggio, non è riuscito a far altro che togliersi la vita. Impiccandosi con la cinta dell’accappatoio. E chissà a chi è volato l’ultimo pensiero. Forse alla moglie o alle due figlie. Forse a quel giorno dell’ultimo, ma non primo, arresto. Alcool, droga, rapine. Errori che ha pagato con l’abbandono più totale. E pensare che  i volontari del carcere stavano cercando un’alternativa per poter permettere al Iazzetta di uscire dal carcere. E sembravano anche esserci riusciti, individuandola in un dormitorio. Ma adesso, anche per la disperazione dello stesso direttore del carcere Antonio Fullone, è tutto inutile.

Giovanni Iazzetta, il detenuto suicidatosi nel carcere di Poggioreale, era stato rifiutato dai familiari
Redazione Desk
Questo articolo è stato scritto dalla redazione di Road Tv Italia. La web tv libera, indipendente, fatta dalla gente e con la gente.
RELATED ARTICLES

ARTICOLI RECENTI