lunedì, Maggio 17, 2021
HomeCostume e SocietàExpo 2015, la gaffe: David di Donatello? No, di Michelangelo

Expo 2015, la gaffe: David di Donatello? No, di Michelangelo

La prima gaffe arriva dal sito non ufficiale Expo 2015, dove il David di Michelangelo viene erroneamente scambiato con quello di Donatello.

Mancano ormai pochi mesi all’inaugurazione dell’Expo 2015 di Milano, al via il prossimo 1° maggio, feste dei lavoratori. Tutto è quasi ormai già pronto nel capoluogo lombardo e lo stress da clessidra (sindrome da stress di Hourglass – ndr) inizia a mietere le prime vittime. E così eccovi servita la prima gaffe sull’Expo 2015, ad opera del sito non ufficiale dell’Esposizione Universale Milano 2015: trattasi di un refuso ‘artistico’ apparso nel titolo “Il David di Donatello è il simbolo del Padiglione Italia“. Peccato che nella foto relativa all’articolo vi era in bella mostra il David Donatello, che tra l’altro è il reale il simbolo del padiglione.

Expo 2015: David di Donatello, David di Michelangelo, questo è il problema

Una svista può capitare a tutti, non è poi così grave, anche se confondere il David di Michelangelo con quello di Donatello, o viceversa, un sorriso te lo strappa. Tuttavia, il refuso è stato cambiato immediatamente dopo le segnalazioni arrivate dal web e la redazione del sito ha tenuto a precisare che “l’articolo è stato pubblicato il 27 novembre 2013 e modificato l’11 febbraio 2015. Ci scusiamo per la confusione tra Michelangelo e Donatello, dovuta a un errore di redazione. Precisiamo inoltre che questo non è il sito ufficiale di Expo2015 – come qualcuno ha scritto erroneamente sui social – ma un sito di informazione indipendente“. Una storia insomma terminata col lieto fine, con il David  esposto al Padiglione Italia dell’Expo 2015 attribuito al giusto creatore.

Expo 2015, la gaffe: David di Donatello? No, di Michelangelo
Francesco Healy
Ho sempre odiato, sin dalla nascita, le bugie e le ingiustizie, dunque da grande avevo solo due strade da poter percorrere, quella del detective o del giornalista, ho scelto la seconda e il potere della penna, da sempre affascinato da tale professione.
RELATED ARTICLES

ARTICOLI RECENTI