Erri De Luca: aggiornata al 9 giugno l’udienza preliminare

Si aggiorna al 9 giugno l’udienza preliminare contro lo scrittore Erri De Luca

Hanno fallito i tavoli del governo, hanno fallito le mediazioni: il sabotaggio è l’unica alternativa.” Una frase pronunciata durante una trasmissione televisiva che è costata cara allo scrittore Erri De Luca che si era espresso riguardo alla questione No Tav. Ora, De Luca è indagato per istigazione al sabotaggio dalla Procura di Torino. Ieri si è tenuta l’udienza preliminare a carico dello scrittore ed è stata poi rinviata a questo lunedì 9 giugno.

“Onorato per essere stato accusato di un reato d’opinione!”

Ieri De Luca non era presente in aula e il suo avvocato, Gianluca Vitale, afferma che la sua non voleva essere una fuga e che lo scrittore sarà presente alla prossima udienza. Se poi verrà condannato non farà appello poiché le opinioni non possono finire in manette. “Quando ha ricevuto l’avviso di garanzia dai pm Andrea Pedalino e Antonio Rinaudo, Erri si è detto onorato per essere stato accusato di un reato d’opinione” continua l’avvocato.

La solidarietà del web e l’appoggio degli artisti

In favore dello scrittore c’è un appello firmato da numerosi artisti e intellettuali che lo sostengono come Fiorella Mannoia, Alex Zanotelli e Luca Mercalli. Inoltre nel web si organizzano eventi in suo onore in Italia e all’estero, mentre davanti al Palazzo di Giustizia c’è stato un presidio a  favore della libertà di parola.