mercoledì, Giugno 19, 2024
HomeCulturaEmma Dante ritorna al Mercadante con "Misericordia"

Emma Dante ritorna al Mercadante con “Misericordia”

Arriva a Napoli l’acclamato, imperdibile spettacolo della regista e drammaturga Emma Dante “Misericordia”.

Ritorna al Teatro Mercadante – il teatro della Città che nel corso degli anni haprodotto e presentato molti suoi lavori, a partire dallaMedeanel 2004 a Le Pullenel 2009,La trilogia degli occhialinel 2011,Le sorelle Macalusonel 2015, fino aPupo di Zuccheronel 2022 – la regista e drammaturgapalermitana EmmaDante con lo spettacoloMisericordia.

Una produzione Piccolo Teatro di Milano – Teatro d’Europa, Teatro Biondo di Palermo, Atto Unico / Compagnia Sud Costa Occidentale, Carnezzeria.

 

Scritto e diretto da Emma Dante, in scena tre storiche attrici della regista: Manuela Lo Sicco, Leonarda Saffi, Italia Carroccioe il giovane danzatoreSimone Zambelli, rispettivamente nei ruoli di Nuzza, Anna, Bettina e Arturo.

Sulla scena uno sfondo scuro e quattro sedie allineate, intervallate da ceste da cui si dipanano gomitoli di lana. Disposti in fila, lungo l’asse delle sedie, semplici oggetti come cavallucci per l’infanzia, cappucci colorati per bambini, una valigia, un sacco nero di cellophane, scarpe di diverse fogge. Le luci sono di Cristian Zucaro.

 

«Misericordia è una favola contemporanea. Racconta la fragilità delle donne, la loro disperata e sconfinata solitudine».

Così Emma Dante presenta lo spettacolo, il cui testo narra la storia di tre donne – Nuzza, Anna e Bettina – che si prostituiscono, e di un ragazzo menomato, Arturo, che vive con loro in un monovano lercio e miserevole. Durante il giorno le donne lavorano a maglia e confezionano sciallette, al tramonto, sulla soglia di casa, offrono ai passanti i loro corpi cadenti.Il giovane Arturo non sta mai fermo, è un picciutteddu ipercinetico. Ogni sera, alla stessa ora, va alla finestra per vedere passare la banda e sogna di suonare la grancassa.

La madre di Arturo si chiamava Lucia, era secca come una acciuga e teneva sempre accesa una vecchia radiolina. La casa era china ’i musica e Lucia abballava p’i masculi! Soprattutto per un falegname che si presentava a casa tutti i giovedì. L’uomo era proprietario di una segheria dove si fabbricano cassette della frutta, guadagnava bene ma se ne andava in giro con un berretto di lana e i guanti bucati.Lo chiamavano “Geppetto”. Alzava le mani. Dalle legnate del padre nasce Arturo, mentre Lucia muore due ore dopo averlo dato alla luce. Nonostante l’inferno di un degrado terribile, Anna, Nuzza e Bettina se lo crescono come se fosse figlio loro. Arturo, il pezzo di legno, accudito da tre madri, diventa bambino.

 

«Misericordia– dichiaraEmma Dante – è un lavoro sulla capacità profonda e inesauribile di amare. Nonostante il tugurio, la prostituzione, la convivenza forzata dal bisogno, queste donne scelgono di prendere con sé un ragazzino difettoso, menomato dalle botte del padre e orfano della madre, morta appena dopo il parto. È un ragazzino di legno perché rigido, senza articolazioni. E lo spettacolo racconta come questa rigidità riesca gradualmente a sciogliersi, con il corpo ad acquisire una sua morbidezza. Insomma un percorso verso la vita. Di madri che lo sono senza esserlo. Ma dietro la tragedia c’è anche molta leggerezza. Alla fine è uno spettacolo vitale. E quando finisce sei scosso. Come se riuscisse a dare un piccolo pizzicotto».

Sulla nascita e le ragioni di questo suo lavoro la regista spiega:«Avevo bisogno di parlare di maternità. Forse perché sono diventata madre in tarda età di un figlio adottivo, e questa esperienza mi ha cambiato la vita. Poi il lavoro ha preso corpo con l’improvvisazione, con gli attori, ma soprattutto con il danzatore Simone Zambelli, straordinario, che ne è diventato il centro pulsante. Lo spettacolo infatti gira attorno a lui, al ragazzino “difettoso” nato come “legnificato” grazie ai pugni del padre.Di qui l’assonanza con Collodi: ho pensato che Pinocchio potesse essere un personaggio interessante da associare a un bambino che nasce dalla violenza. Pinocchio comincia la sua vita quando si sveglia bambino grazie al dono della fata. Prima era un “non essere”. Così ancheArturo. In questo senso il titolo per me è importantissimoperchè racconta già tutto: “Misericordia”, inteso in senso laico, contiene due cose, la miseria e il cuore, elementi che possono stare insieme generando qualcosa distraordinario».

 

MISERICORDIAscritto e diretto da Emma Dante
con

Italia Carroccio(Bettina), Manuela Lo Sicco(Nuzza), Leonarda Saffi(Anna)

Simone Zambelli(Arturo)

luci Cristian Zucaro
assistente di produzione Daniela Gusmano
coordinamento e distribuzione Aldo Miguel Grompone, Roma
produzione

Piccolo Teatro di Milano – Teatro d’Europa, Teatro Biondo di Palermo, Atto Unico / Compagnia Sud Costa Occidentale, Carnezzeria

 

«(…) Quando ci penso, che il tempo ritorna,
che arriva il giorno che il giorno raggiorna,
penso che è culla una pancia di donna,
e casa è pancia che tiene una gonna,
e pancia è cassa, che viene al finire,
che arriva il giorno che si va a dormire.
Perché la donna non è cielo, è terra
carne di terra che non vuole guerra:
è questa terra, che io fui seminato,
vita ho vissuto che dentro ho piantato,
qui cerco il caldo che il cuore ci sente,
la lunga notte che divento niente.
Femmina penso, se penso l’umano
la mia compagna, ti prendo per mano».

Edoardo Sanguineti

 

Durata 1 ora

Info: www.teatrodinapoli.it

Biglietteria: tel. 081.5513396 | bigietteria@teatrodinapoli.it

 

(*) Dalla recensione di Vincenzo Sardelli su klpteatro.it

Redazione Desk
Redazione Desk
Questo articolo è stato scritto dalla redazione di Road Tv Italia. La web tv libera, indipendente, fatta dalla gente e con la gente.
RELATED ARTICLES

ARTICOLI RECENTI