Dissesto idrogeologico: Napoli tra i 55 Comuni che usufruiranno del finanziamento

Anche Napoli tra i Comuni della Campania che usufruiranno del finanziamento sul Fondo di progettazione per il dissesto idrogeologico

C’è anche Napoli tra i 55 Comuni della Campania che, secondo quanto prevede il decreto approvato dal Ministero dell’Ambiente, usufruiranno del finanziamento sul Fondo di progettazione per il dissesto idrogeologico. Lo rende noto la Regione Campania, che in un comunicato sottolinea come “grazie al lavoro istruttorio svolto dalla Regione, sono 55 i Comuni che potranno usufruire di un finanziamento di oltre 12 milioni di euro per la progettazione di interventi fondamentali per la mitigazione del rischio idrogeologico“.

 

Dissesto idrogeologico: i finanziamenti per la città di Napoli

Tra i Comuni ammessi, sparsi in tutte le 5 province della Campania, due importanti finanziamenti comprendono quindi la città di Napoli: uno per il completamento della conca di Agnano, l’altro per l’adeguamento del collettore Arena Sant’Antonio di Soccavo, per un totale di circa 250mila euro di progettazione. Questi due interventi interessano in particolare la riqualificazione del bacino che insiste sull’area di Bagnoli ex Italsider.

Sono 19 gli interventi per la provincia di Caserta, 10 per i Comuni della provincia di Benevento, 8 per la provincia di Salerno, tra i quali il Comune di Amalfi per il risanamento dei costoni sulla strada amalfitana, 7 per la provincia di Avellino. Gli interventi sono stati individuati sulla base della graduatoria del Sistema Rendis e sulla base delle priorità individuate per il rischio imminente.Si tratta – si legge nella nota della Regione Campania – di un importante finanziamento per i comuni campani. Fondamentale sarà avviare le progettazioni e velocizzare la pubblicazione delle gare per i lavori in modo da avviare quanto prima gli interventi su costoni, acquedotti e spiagge. La Regione metterà a disposizione dei comuni in supporto tecnico necessario“, conclude la nota.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *