domenica, Novembre 28, 2021
HomeFocusDe Magistris saluta Napoli: "Grazie alla città più bella del mondo"

De Magistris saluta Napoli: “Grazie alla città più bella del mondo”

Il sindaco uscente Luigi de Magistris saluta Napoli con un post su Fb nel giorno del passaggio delle consegne con Gaetano Manfredi.

“Con oggi finisce una missione durissima che mi ha donato emozioni senza pari. Non è però oggi il giorno del bilancio politico. Lo farò certamente nelle prossime settimane. Ora voglio solo ringraziare Napoli, la città più bella del mondo. Voglio ringraziare i napoletani, un popolo che si è rialzato ed ha creduto nel riscatto”. Così in un post su Facebook, Luigi de Magistris, sindaco uscente di Napoli, nel giorno del passaggio di consegne con il nuovo primo cittadino partenopeo, Gaetano Manfredi.

L’ex pm ha poi aggiunto “un pensiero speciali ai bambini e ai giovani perché sono stati il motore straordinario di questi anni. Tante persone hanno lanciato il cuore oltre l’ostacolo ed hanno agito solo per amore della nostra terra. Ho sempre operato con i valori con i quali mi sono formato e che certo non si comprano al mercato. E di questo devo ringraziare i miei genitori che non ci sono più da tempo, la mia famiglia, i miei affetti, i miei amici, i miei maestri, la scuola e l’università pubblica, i colleghi di questi trent’anni di vita istituzionale sempre in prima linea ed i compagni di viaggio”.

“Non mi sono mai risparmiato, agendo nell’esclusivo interesse della cosa pubblica. Ho sempre lavorato – ha proseguito de Magistris – con onestà, abnegazione, sacrificio, professionalità, libertà, autonomia, indipendenza, coraggio, amore e passione. Questi anni saranno scolpiti per sempre nella mia vita ed i volti di tutte le persone incontrate hanno un posto nel mio cuore e nella mia mente. In questo ultimo post da sindaco voglio anche augurare ogni bene a Napoli ed al popolo napoletano. Ciao”, ha concluso.

Francesco Monaco
Napoletano, giornalista, autore del romanzo 'Baciami prima di andare'. A tratti sognatore e pensatore. In attesa di capire il resto, forse di niente
RELATED ARTICLES

ARTICOLI RECENTI