martedì, Maggio 17, 2022
HomeCulturaCinema: Vesuvio, il documentario che racconta la vita tra i vulcani

Cinema: Vesuvio, il documentario che racconta la vita tra i vulcani

Il documentario ‘Vesuvio – Ovvero: come hanno imparato a vivere in mezzo ai vulcani’ uscirà in Campania in undici sale

Arriva al cinema come evento speciale dal 14 marzo il documentario ‘Vesuvio – Ovvero: come hanno imparato a vivere in mezzo ai vulcani’, diretto da Giovanni Troilo, prodotto da Dazzle Communication e distribuito da I Wonder Pictures e Unipol Biografilm Collection. Troilo racconta uno dei territori più suggestivi e inquietanti d’Italia attraverso le storie, spesso al limite del paradossale, di coloro che ci vivono e indagando la simbiosi profonda tra la questa straordinaria umanità e i vulcani.

‘L’area metropolitana di Napoli è una delle più densamente abitate del pianeta ed è compresa tra il Vesuvio ed i Campi Flegrei, due tra i vulcani attivi più pericolosi al mondo. Oltre un milione di persone vivono nella cosiddetta zona rossa, pronte ad essere evacuate al primo segnale di eruzione. Forse.’ si legge nella sinossi.

LEGGI ANCHE: Vittorio Sgarbi a Capua videointervista per il “Il Luogo della Lingua”

”Le storie si succedono senza soluzione di continuità. La camera raramente indugia su qualcuno o su qualcosa, ma lentamente, come la lava del racconto di Norman Lewis, travolge quello che incontra. Entra per pochi minuti nel profondo delle storie e va alla successiva”’ spiega il regista.

Personaggi principali sono Giuseppe Mastrolorenzo, il vulcanologo che ci guida; Pino Grazioli dell’ercolanese Paradise TV il sarto Antonio Panico; Ciro e Elena della Pirotecnica Vesuvio; Goblin lo psicomago che abita sulle pendici del Vesuvio; Ciro un anziano abitante del cratere di Agnano. E ancora Sonia Scalpellini che invece vive accanto alla Solfatara dei Pisciarielli ; Ferdinando, il fantino di Agnano; Madame Luigia, sensitiva del vulcano.

”Napoli non è più quella in superficie, andiamo a scoprire, di lettera e di metafora, la materia di cui la città è fatta: un’immane colata lavica dei Campi Flegrei che ai tempi modificò il clima, uno strato di 50 metri di tufo giallo su cui la città venne fondata e di cui a Napoli ogni abitazione, chiesa, monumento è fatta.

Ogni frutto, ogni fiore, ogni germoglio, ogni pulviscolo nell’aria, ogni particella in acqua, ogni batterio genera e origina da quel sedimento. A Napoli non si è vicini o dentro a un vulcano. Si è vulcano” nota il regista. In Campania il film uscirà in undici sale, il 15 marzo a Roma , il 16 a Bologna, il 17 a Firenze , il 18 a Milano, il 19 a Torino, il 20 a Bari.

Redazione Desk
Questo articolo è stato scritto dalla redazione di Road Tv Italia. La web tv libera, indipendente, fatta dalla gente e con la gente.
RELATED ARTICLES

ARTICOLI RECENTI