lunedì, Maggio 16, 2022
HomeCultura“Caruso 1873 – 1921, il mito eterno”: Terre di Campania celebra l’artista...

“Caruso 1873 – 1921, il mito eterno”: Terre di Campania celebra l’artista partenopeo

Giovedì 24 marzo 2022, alle ore 18:00, presso il Santuario di Madonna dell’Arco, il Laboratorio culturale Campania Bellezza del Creato organizza la proiezione del docufilm “La mia Napoli” e del corto “L’eterno”, realizzati dalla Fondazione CIVES-MAV di Ercolano.

Il Laboratorio culturale di Campania Bellezza del Creato continua la sua programmazione presso il Santuario della Madonna dell’Arco di Sant’Anastasia (NA), con un evento celebrativo della figura di Enrico Caruso, il grande artista partenopeo di cui si sono da poco ricordati i cento anni dalla morte. Per omaggiare questa figura leggendaria, l’Associazione Terre di Campania APS organizza, giovedì 24 marzo 2022, alle ore 18:00, presso l’aula polifunzionale del Laboratorio culturale di Campania Bellezza del Creato, un evento celebrativo dal titolo “Caruso 1873 – 1921, il mito eterno”.

Durante la serata saranno proiettati il docufilm “La mia Napoli” e il corto “L’eterno”, realizzati dalla Fondazione CIVES-MAV di Ercolano, per la regia di Giovanni Pelliccia e col tenore Gianluca Terranova nel ruolo del mito canoro partenopeo. Entrambi i prodotti audiovisivi offrono una riflessione intorno alla figura di un uomo dall’esistenza di dolore, amore e poesia, indissolubilmente legato alla città di Napoli, che ha superato i pregiudizi e le barriere dello spazio e del tempo, alla conquista della gloria eterna.

Enrico Caruso è, infatti, il perfetto esempio di homo faber: una leggenda di umilissime origini, fiorita dal popoloso quartiere di San Carlo all’Arena a Napoli, un uomo che con impegno, dedizione, difficoltà e sacrifici, determinazione, grazie a occasioni colte saggiamente e ad alcune persone lungimiranti incontrate lungo il cammino di vita, ha messo a frutto il proprio talento, rendendolo passione, professione redditizia, vita, patrimonio per la posterità, soprattutto grazie all’intuizione che, da antesignano, lo portò ad unire lirica e tecnologia.

Artista di grande spessore e ampie vedute, in grado di fondere qualità vocale e recitazione, col suo spiccato temperamento drammatico, Caruso ha saputo rendere “corposi” i personaggi portati sulla scena, finendo col fondersi con loro, abbattendo quella naturale barriera che si frappone all’attore e al personaggio rappresentato.

La proiezione dei filmati sarà preceduta da un incontro cui prenderanno parte: Luigi Vicinanza, Presidente Fondazione CIVES-MAV; Gaetano De Rosa, Tenore San Carlo di Napoli; P. Gianpaolo Pagano, Priore Santuario Madonna dell’Arco; Veria Giordano, Assessore alla Cultura Comune di Sant’Anastasia. Introduce e modera: Maddalena Venuso, Presidente Associazione Terre di Campania APS. L’ingresso è gratuito, fino ad esaurimento posti, nel pieno rispetto della vigente normativa anti-COVID19. Si ringrazia la Comunità Domenicana per il sostegno all’iniziativa.

Per informazioni: segreteria@terredicampania.it

Redazione Desk
Questo articolo è stato scritto dalla redazione di Road Tv Italia. La web tv libera, indipendente, fatta dalla gente e con la gente.
RELATED ARTICLES

ARTICOLI RECENTI