Canottieri a gonfie vele

Terzo successo consecutivo per i giallorossi.

di Diego Scarpitti

Entusiasmante ed appassionante. La Canottieri vince 13-11 sulla Lazio alla Scandone. Unica squadra napoletana a punteggio pieno dopo le prime tre giornate di campionato. Chi l’avrebbe mai detto? La neopromossa in A1 tiene alti i colori della città di Napoli in questo inizio di stagione. I ragazzi di Zizza danno l’anima, lottano, s’impongono, soffrono e alla fine legittimano meritatamente il successo casalingo. Prestazione super di Alessandro Velotto, classe ’95, autore di un pesante poker davanti il pubblico amico. È la prima volta che la “terribile” calottina numero 10 sigla quattro reti nella massima serie. Indubbiamente match-winner del sabato pomeriggio. Degna di menzione la prova di Gabriele Vassallo: magistrale la sua performance. Sempre attento, decisivo e reattivo quando chiamato in causa. Una garanzia per la squadra. Tre su tre. Bottino pieno. Dopo il Savona e il Nervi, gli aquilotti tornano spennati a Roma.

Questi i parziali: 3-3; 3-1; 2-1; 5-6

Partenza lenta dei padroni di casa, che incassano le reti di Colosimo e Gianni. Brguljan suona la sveglia. Dopo la palombella di Leporale, Ronga e Baraldi agguantano il pareggio.

Il secondo quarto è di marca giallorossa. Campopiano e Gianni sul tabellino. Poi Velotto e Baraldi allungano. +2 il vantaggio. La Canottieri impone il suo gioco, detta il ritmo, non concede quasi nulla agli avversari.

Nel terzo tempo Buonocore e compagni incrementano il vantaggio: +3. In rete il centroboa modenese e Velotto. Ancora Gianni per gli ospiti.

Negli ultimi otto minuti tripletta di Alessandro Calcaterra, che riapre una partita già chiusa. A porre definitivamente fine all’incontro Velotto  nuovamente: trascinatore immarcabile e fine realizzatore. A 15” dalla fine il rigore trasformato fa esplodere il boato sulle gradinate.

Per Paolo Zizza tre punti pesanti in chiave salvezza. Tanti sorrisi a bordo vasca per Buonocore, in testa fino al 2 novembre. Dopo la pausa, il Bogliasco e il derby con il Posillipo.

 

19 ottobre 2013

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.