bambino malato sotto sfratto

Bambino malato sotto sfratto: vive in una biglietteria dell’EAV

Bambino malato sotto sfratto: vive da cinque anni in una biglietteria dell’EAV a Torre del Greco. Affetto dalla sindrome di Ondine e che potrebbe quindi morire nel sonno

Bambino malato sotto sfratto, da cinque anni vive in una biglietteria dell’EAV.

Rischia, quindi, lo sfratto la famiglia del piccolo Maurizio Mennella, affetto dalla nascita dalla rara sindrome di Ondine. Tale patologia molto rara (200 persone nel mondo) può portare il malato alla morte durante il sonno se non attaccato ad un apposito sistema di ventilazione che aiuta il respiro. Negli anni precedenti ci fu la solidarietà degli enti e delle istituzioni che hanno permesso lo scorrere tranquillo della vita del dodicenne malato e della sua famiglia all’interno della biglietteria.

Ora che l’Ente Autonomo Volturno ha preso il posto della Circumvesuviana le cose sono cambiate. Dopo cinque anni vissuti nella biglietteria concessa in comodato d’uso gratuito posta all’interno della stazione di Via Del Monte, a Torre del Greco, l’EAV chiede un affitto alla famiglia Mennella. La struttura è di 120 mq, distribuiti su due piani, ed ospita il nucleo familiare composto da quattro persone ed è grande abbastanza per ospitare i macchinari ai quali il ragazzo è costretto ad essere attaccato quando dorme.

La solidarietà per il bambino malato sotto sfratto

Cinque anni fa il caso mosse l’opinione pubblica e la gara di solidarietà che vide il Comune in prima linea per aiutare la famiglia che fu prima ospitata in un immobile di un privato e poi, nel dicembre 2009, nella ex biglietteria della stazione della Circumvesuviana. Ora l’Ente autonomo, dopo cinque anni di concessione a titolo gratuito, chiede il pagamento di un fitto mensile.

Prima delle feste natalizie l’Ente aveva intimato lo sfratto, che sarebbe dovuto avvenire il 15 gennaio. Tale ipotesi ha messo in moto i responsabili dell’Ufficio Assistenza di Parco Bonanno ed il primo risultato è stato il differimento dello sfratto, in attesa di un incontro tra gli assistenti sociali, l’EAV e la famiglia Mennella in programma la settimana prossima. Solo allora si potranno conoscere le decisioni e la sorte del piccolo Maurizio, nonchè la richiesta economica della società di trasporto e se la famiglia sarà costretta a trovarsi una nuova casa.