giovedì, Maggio 19, 2022
HomeCulturaAvellino capitale della danza con il Premio Internazionale “Carlo Gesualdo”

Avellino capitale della danza con il Premio Internazionale “Carlo Gesualdo”

Sabato 23 e domenica 24 aprile ripartono le danze con il Premio Internazionale “Carlo Gesualdo” di Avellino.

Sabato 23 e domenica 24 aprile ripartono le danze con il Premio Internazionale “Carlo Gesualdo” di Avellino, con la direzione di Guendalina Manzi e Fabrizio Esposito. Ma andiamo con ordine. <<È tempo di rifiorire, per la città e per tutti noi che siamo reduci da momenti di chiusura e grigiore, e quale strumento migliore dell’arte per elevare l’anima al bello – ci spiega la Manzi che affiancherà Esposito nella direzione artistica –. Da un po’ di mesi pensavo all’organizzazione di un evento che avesse la danza come protagonista ma che fosse allo stesso tempo inclusivo rispetto all’arte in generale. La prima persona alla quale ho pensato per affidarvi la direzione artistica è stata proprio Fabrizio Esposito, per il suo talento di ballerino e la sua lunga esperienza nell’organizzazione di eventi di grande portata>>.

Avellino capitale della danza con il Premio Internazionale “Carlo Gesualdo”
Guendalina Manzi

E non mancheranno ballerini di chiara fama al Premio, in scena al Teatro Carlo Gesualdo di Avellino, impegnati nella serata di gala di chiusura quali l’etoile Giuseppe Picone, Iana Salenko e Dinu Tamazlacaru, Luisa Ielluzzi e Stani Capissi, Arianne Lafita e Vittorio Galloro, Lucia Lacarra e Matthew Golding, la compagnia Spellbound e Riccardo Esposito. Per acquistare gli ultimi biglietti a disposizione sarà possibile interfacciarsi con il circuito Go2.it e scegliere il posto preferito. Tutti gli artisti affermati in scena saranno da volano per i tantissimi giovani provenienti da ogni dove, in una manifestazione che avrà la duplice faccia della stessa medaglia nazionale ed internazionale con nomi di assoluta garanzia.

Pensiamo all’étoile internazionale Giuseppe Picone che sarà affiancato da Manuela Barbato, art journalist and dance curator Teatro Bellini di Napoli, Valentina Marini, presidente A.I.D.A.P. e direttrice dello Spellbound Contemporary Ballet di Roma, François Petit, assistente del direttore del Ballett Schule Theater Basel, Alin Gheorghiu, consigliere onorifico balletto dell’Opera Nazionale di Bucarest, Alen Bottaini, direttore Bavaria ballett academy di Monaco di Baviera, Alessandro Rende direttore Europa in danza e Italian dance award e Massimiliano Craus, docente di storia della danza Teatro dell’Opera di Roma e critico di balletto del Corriere del Mezzogiorno. Ai quali si aggiungono Franco Miseria, Roberto D’Urso, Irma Cardano, Stefano Angelini, Fabio Gison, Mario Nocera, Peter Valentin ed Emanuele Battista. In questo contesto multidisciplinare saranno altresì scelti i vincitori dei Premi Carla Fracci, al talento, alla Produzione, alla Formazione ed alla Carriera.

Ma non è tutto! Fabrizio Esposito, già interprete del Teatro di San Carlo di Napoli, ha pensato davvero a 360°. <<Ho subito accettato con entusiasmo l’invito di Guendalina Manzi, – ha da subito dichiarato Esposito – una professionista dotata di profonda sensibilità artistica. L’intento alla base di questo evento è quello di creare per la prima volta un premio di tale portata dedicato alla danza, un po’ come avviene in città come Milano o Roma. Ad Avellino c’è la fortuna di avere un teatro molto importante. Ritengo che per la danza, su tutto il territorio campano, a livello strutturale sia secondo solo al Teatro San Carlo. È dunque importante valorizzarlo e offrire alla città un’occasione artistico-culturale di gran pregio>>.

Avellino capitale della danza con il Premio Internazionale “Carlo Gesualdo”
Giuseppe Picone

E chi meglio di Giuseppe Picone, etoile e già direttore della compagnia sancarliana, potrebbe essere il padrino di una manifestazione che da Avellino ambisce ad irradiarsi oltre i confini regionali e nazionali? <<Sono nato a Napoli e cresciuto in provincia di Caserta – spiega Giuseppe Picone – e sono molto felice di tornare al Teatro Carlo Gesualdo di Avellino, dal quale manco da circa quindici anni quando partecipai come ospite a una serata di Gala. Il Gesualdo è un teatro che merita tantissimo. E, per quanto riguarda la danza nello specifico, è perfetto: ampio, strutturalmente imponente, costruito pensando a grandi rappresentazioni. Conosco Fabrizio Esposito da quando avevo dieci anni, in quanto parte del corpo di ballo del Teatro San Carlo di Napoli, e ho accettato immediatamente il suo invito, il piacere è enorme di prendere parte a questo prestigioso evento>>.

l 23 ed il 24 aprile al Teatro Gesualdo, durante l’evento, si ospiterà anche la mostra fotografica “AQVA” di Luigi Bilancio, uno dei massimi esponenti della fotografia nazionale con mostre di grande successo che lo stesso Fabrizio Esposito ha già ospitato parzialmente in una passata edizione della Giornata Mondiale della Danza. Non mancano momenti di alta cultura al Premio con la presentazione del libro “Giselle e il teatro musicale” di Maria Venuso. Per queste e per tutte le informazioni relative al Premio si suggerisce di visitare il sito ufficiale https://www.premiodanzacarlogesualdo.it/

 

Redazione Desk
Questo articolo è stato scritto dalla redazione di Road Tv Italia. La web tv libera, indipendente, fatta dalla gente e con la gente.
RELATED ARTICLES

ARTICOLI RECENTI