A Napoli la “Marcia degli esclusi” con migranti, precari, studenti e disoccupati

Migranti, studenti e disoccupati sono stati l’anima della “Marcia degli esclusi” svoltasi a Napoli. Ad aprire il corteo uno striscione per Bobb Alagie

Migranti, precari, studenti delle scuole superiori e delle università, disoccupati: sono stati loro l’anima della “Marcia degli esclusi” svoltasi oggi a Napoli. Ad aprire il corteo – partito da Piazza Garibaldi – uno striscione per Bobb Alagie, il migrante a cui hanno sparato in bocca, una settimana fa: arrestato, per questo, uno dei gestori del Cas in cui si trovava, a Gricignano d’Aversa, in provincia di Caserta.

 

La Marcia degli esclusi: “Non lavoro gratis per Renzi”

Lungo il corteo petardi, fumogeni colorati, striscioni e slogan. I collettivi delle scuole superiori hanno intonato il coro: “Non lavoro gratis per Renzi“, contro l’alternativa scuola-lavoro, che, a loro dire, è soltanto uno “sfruttamento“. Il corteo ha sfilato percorrendo corso Umberto I e, giunto davanti all’ingresso dell’Università Federico II, lavoratori “fantasma” si sono uniti a loro. Sono i dipendenti di Napoli Sotterranea che qualche settimana fa hanno denunciato lo stato e le condizioni di precarietà nelle quali lavorano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *