Genny vive, l'ultimo saluto al 17enne ucciso. Strappato via striscione contro la Camorra

Genny vive, l’ultimo saluto al 17enne ucciso. Strappato via striscione contro la Camorra

Oltre duecento persone per dare l’ultimo saluto a Gennaro. Sull’altare striscione con la scritta “Genny vive”.

Genny Vive – Questa mattina presso la chiesa San Vincenzo alla Sanità c’è stato l’ultimo saluto a Gennaro Cesarano, il 17enne ucciso a colpi di pistola la notte del 5 settembre. Oltre duecento persone a salutarlo quest’oggi per l’ultima volta, in parte giovani, alcuni di loro con una t-shirt raffigurante la foto di Genny. Sul sagrato della chiesa e al di sopra dell’altare, invece, striscioni con la scritta Genny Vive.

Genny Vive – Sparito lo striscione contro la camorra

Come riportato sul corrieredelmezzogiorno, delusione per Giuliana di Sarno, presidente della municipalità, che con le lacrime agli occhi racconta di aver realizzato nei giorni scorsi uno “striscione con un lenzuolo di casa mia e c’era scritto “Genny vive nei nostri cuori…che la camorra ci ha ucciso”, ma nel momento di appenderlo dice che un ragazzino glielo ha strappato via di mano. Sparito come quello realizzato per la fiaccolato. “Siamo tornati indietro, sembrava ci fosse un’apertura e invece siamo rimasti soli un’altra volta. Un brutto gesto. L’altra sera avevamo vinto noi. Oggi ha vinto la camorra”, commenta turbata Giualiana di Sarno.