rivale in amore

Elimina il rivale in amore e poi cerca di occultare il cadavere gettandolo in mare

Un uomo di 35 anni, residente a Giugliano in Campania (Napoli) è stato fermato dai carabinieri, su ordine della Procura della Repubblica di Napoli Nord, per omicidio ed occultamento di cadavere. La vittima è un 25enne, originario di Parete, nel Casertano. Il giovane era scomparso da Aversa lo scorso 7 luglio e da allora non si avevano più notizie di lui.

L’ipotesi degli inquirenti è che il 35enne abbia ucciso il 25enne gettandone poi il corpo in mare. Al recupero della salma, che non è stata ancora trovata, partecipano anche le unità della Capitaneria di Porto di Napoli. Dalle indagini è emerso che il giovane sarebbe stato ucciso al culmine di una lite avvenuta all’interno del suo domicilio e provocata dalla gelosia provata dal presunto omicida per lo stretto rapporto di amicizia intrattenuto dal proprio compagno con la vittima. (fonte ANSA).

L’omicida confessa

«Si, l’ho ucciso io Vincenzo, perché aveva una relazione con il mio compagno: poi dopo ho caricato il cadavere in auto e l’ho gettato in mare a Licola». Questa la confessione resa ai carabinieri del reparto territoriale di Aversa e al pm della Procura di Napoli Nord dal 35enne di Giugliano in Campania fermato questa mattina per omicidio e occultamento del cadavere.

Le ricerche nello specchio di mare antistante Licola vanno tuttora avanti con i mezzi della capitaneria di porto.

Il delitto sarebbe avvenuto proprio il giorno in cui la vittima è stata vista l’ultima volta, il 7 luglio scorso. La madre del 25enne ne aveva subito denunciato la scomparsa, ma in un primo momento si pensava ad un allontanamento volontario; dell’improvvisa sparizione di Vincenzo aveva parlato anche l’Arcigay di Napoli.

I carabinieri, guidati dal maggiore Antonio Forte, hanno iniziato a monitorare eventuali movimenti della vittima, ovvero a controllare se avesse prelevato contanti dal suo conto, ma non è emerso alcuna movimentazione; anche il cellulare era muto. (fonte Il Mattino).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *