Pino Daniele su Rai 2

Napoli è Pino Daniele e vuole salutarlo per l’ultima volta

Napoli è Pino Daniele. Notte che vene, notte che va, esce stu’ juorno senza più te. Voglio salutarti usando le mie lacrime, le mie emozioni e le tue parole. Napoli ha diritto di salutare per l’ultima volta Pino

Napoli è Pino Daniele

SEGUI LA DIRETTA DEI DUE FUNERALI, CLICCA SU TUTTA NAPOLI SALUTA PINO DANIELE

Notte che vene, notte che va, esce stu’ juorno senza più il mio Pino Daniele, cià guagliù, come avrebbe detto lui. Pino non c’è più ed è come un pezzo della mia vita che svanisce, come un parente caro che ci lascia, ma la sua musica lo renderà eterno.

Ciao Pino voglio salutarti usando le mie lacrime, le mie emozioni e le tue parole, non me ne vorrai ma è l’unico modo di ricordati, le tue parole che ho usato ogni volta che potevo e che accompagneranno tutta la mia vita.

Bambino di 9 anni ascoltavo i dischi, i famosi 33 giri, dei miei cugini più grandi e mi innamoravo di un napoletano che non conoscevo ancora bene, ma che con la tua musica diventava scuolapoesia e divertimento. Alcune canzoni ascoltate di nascosto per colpa di rime scontate ma che ti strappavano un sorriso, una battuta con gli amici. Ma che ho? Sono triste, Napoli è triste.

 

Come era bello ascoltare storia di chiattone, di Fortunato che teneva a rrobba bbella, di giornate sole, di giornate di pioggia ad aspettare una donna, di gente pazza che non doveva essere disturbata e di guaglioni che si chiamavano Teresa. Un esplosione di allegria, piena del “che te ne fottismo” napoletano, da sempre radicato in noi. Napoletani del nun me scuccià e puozze passà’ nu guaio llà, addò nun coce ‘o sole, che ti davano ispirazione per il primo uso da strada del napoletano.

Hai accompagnato la mia vita con la tua musica, il tuo blues napoletano, le tue parole che davano forza, che ti caricavano o ti accompagnavano in un momento di relax….. notte ‘e chi fuma sempe pecchè o tiempo adda passà.

I’ cu te ce sto buono e tu…? E so’ cuntento ‘e stà’ cu te pecchè, pecchè me faje ‘mparà’ a nun vedè’ Si Pino, Yes Pino, Yes I know my way.

Pino Daniele non è stato un cantautore napoletano e basta. Pino ha fatto della napoletanità la sua cifra, la sua ispirazione, la sua poesia, la sua lingua e la sua vita. Totò in punto di morte chiese di essere portato a Napoli, Pino avrebbe detto Puorteme a casa mia, avrebbe voluto essere portato l’ultima volta a Napoli con tutti i suoi amici di sempre, la sua Band, che con lui hanno fatto la storia della musica moderna napoletana, ‘o blues napulitan, dopo il jazz & swing di Carosone.

Napoli ha diritto di salutare per l’ultima volta Pino. Lui non appartiene solo alla sua famiglia, ma alla città, ai napoletani, ad un’intera popolazione che attraverso le sue parole ha trovato spesso riscatto, forza e consolazione nello stesso tempo. Appocundria me scoppiat into ‘mpietto quando ho saputo che i funerali si faranno a Roma; No, Napoli non può non salutare per l’ultima volta suo figlio, colui il quale ha raccontato Napoli con il suo blues napoletano così unico, così Pino Daniele. Napoli vuole stare vicino a te per l’ultima volta.


Quell’autostrada non deve essere un muro tra te e Napoli, ma deve essere la strada che ti porterà l’ultima volta a Napoli, per prendere un caffè che ti tiri più su, quindi Napoli vuole Pino e Pino vorrebbe Napoli per l’ultima volta. Ma che vuò vi chiederete? Voglio Pino Daniele a Napoli, si mentre il buio se ne va.

Tu che cantavi Napule è mille culure, mille paure, Napule è a voce re creature che saglie chiane chiane e che chiede a gran voce di volerti applaudire, abbracciare e piangere per l’ultima volta nella tua città. Napule è na’ camminata int’ e viche miez all’ate, Napule è tutto nu suonno e a’ sape tutto o’ munno anche grazie a te. Pino, ti devi fare l’ultima camminata miez a nuie che siamo cresciuti con te. Ma io sul, io sul, io sul nun pozz sta’ senza e te. Senza e te sarà Tutta ‘nata storia

Ti voglio ricordare con le tue parole che rallegravano le mie giornate ed imitavano ad apprezzare semplicemente una giornata di sole

Basta na jurnata ‘e sole 
e coccheduno ca te vene a piglià 
e basta na jurnata ‘e sole pe putè parlà, Ma basta na jurnata ‘e sole…

Napule è Pino Daniele

SEGUI LA DIRETTA DEI DUE FUNERALI, CLICCA SU TUTTA NAPOLI SALUTA PINO DANIELE

Durante un concerto di musica classica all’interno della chiesa del Gesù Nuovo a Napoli, gli artisti omaggiono l’artista napoletano, scatta un applauso da brividi.