Giulio Cavalli torna a Napoli dopo le minacce. Domani l’attore al Pan per la chiusura di “In viaggio con la Mehari”

Lo scorso 5 ottobre l’attore, noto per il suo impegno anti-mafia, era stato costretto ad annullare le tappe campane della sua tournée

di redazione

Giulio Cavalli non si arrende e torna a Napoli.

Come denunciato da Road Tv Italia, il 5 ottobre scorso l’attore, che avrebbe dovuto esibirsi al Nuovo Teatro Sanità con il suo spettacolo L’Innocenza di Giulio – Andreotti non è stato assolto”, fu costretto a bloccare le tappe campane della tournée dopo aver ricevuto l’ennesima minaccia di morte. Un revolver con un colpo in canna fu infatti rinvenuto in una delle aiuole della sua abitazione, per cui l’attore, sotto scorta dal 2009 per il suo impegno nella lotta contro le mafie, venne immediatamente allontanato e messo al sicuro.

Ma le minacce non sono riuscite a fermarlo: domani Giulio Cavalli sarà al Pan, nell’ambito della rassegna “In viaggio con la Mehari” , per presentare il recital “Esercitare la memoria”. Una memoria che non è solo quella di Giancarlo Siani, il giornalista ucciso dalla camorra a cui la kermesse è dedicata, ma anche quella di Lino Romano, il giovane operaio vittima innocente di criminalità, che proprio un anno fa, il 15 ottobre 2012, veniva ucciso per errore a Marianella mentre usciva da casa della fidanzata per andare a giocare a calcetto con gli amici.

Un atto di coraggio, quello di Giulio Cavalli, che è anche simbolo di una resistenza costante, di una memoria che non impallidisce davanti alle intimidazioni e alle minacce, di una lotta che nemmeno la paura riesce a spegnere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.