Donna trovata viva in mezzo alle salme del naufragio a Lampedusa

Direttore sanitario dell’Asp.6: solo dopo ci siamo accorti che era viva

di Redazione

Una donna, posta in banchina tra le salme vittime del tragico naufragio di questa mattina a Lampedusa perché considerata morta, ha dato segni di vita. “Solo dopo ci siamo accorti che era viva” dice Giuseppe Noto, direttore sanitario dell’Asp 6. La donna infatti è rimasta per almeno tre quattro ore allineata insieme agli altri cadaveri, prima che qualcuno si accorgesse che respirava e che era solo priva si sensi.

La donna dopo essere stata rianimata dai soccorritori è stata trasportata con un elicottero del 118 all’ospedale Civico di Palermo, insieme ad una donna incinta e una bambina siriana, per le cure mediche. Durante il naufragio aveva ingerito della nafta, la stessa che ha generato l’incendio del barcone, “il ponte era sporco di benzina – raccontano i testimoni – in pochi attimi il barcone è stato avvolto dalle fiamme; molti si sono lanciati in acqua tra le urla mentre la barca si capovolgeva”.

3 Ottobre 2013

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.