Ciao Nino. Napoli saluta Gaetano Musella ai funerali a Fuorigrotta (FOTO)

Questa mattina l’ultimo saluto a Gaetano Musella

di Redazione

Napoli – Uno striscione bianco con una scritta celeste spicca tra la folla: Ciao Nino. E’ l’ultimo saluto dei napoletani a Gaetano Musella, in occasione dei funerali dell’ex calciatore della squadra partenopea tenutisi questa mattina a Fuorigrotta, nella chiesa di San Vitale. Molti i presenti venuti a rendergli omaggio, amareggiati dalla prematura scomparsa dell’ex attaccante.

GUARDA LE FOTO:

[nggallery id=62]

A soli 53 anni Gaetano Musella è stato stroncato da un infarto. Il suo corpo è stato ritrovato sulla scogliera di Caprazoppa, a Finale Ligure (Savona), da un turista tedesco di passaggio. Sul posto le forze dell’ordine non hanno rilevato elementi sospetti, ma la Procura della Repubblica di Savona ha comunque aperto un fascicolo per omicidio a carico di ignoti al fine di predisporre l’autopsia sul corpo dell’ex giocatore.

Una vita intera dedicata allo sport, Musella ha lasciato nella sua Napoli un ottimo ricordo: giocatore dotato di estro e fantasia, indossò la maglia azzurra negli anni 80 per poi diventare allenatore delle giovani file del Napoli prima e di diverse squadre campane poi. La sua carriera di allenatore si era conclusa solo qualche anno fa, nel 2009, a Campobasso.

Il mondo dello sport è in lutto. Anche il Calcio Napoli ha espresso cordoglio alla famiglia dell’ex: “Il Presidente Aurelio De Laurentiis, i dirigenti, lo staff tecnico, la squadra e tutta la SSC Napoli esprimono profondo dolore per la prematura scomparsa di Gaetano Musella, attaccante azzurro degli Anni 80 – si legge nella nota diffusa – “Nino” come era affettuosamente chiamato dagli amici è stato un enfant prodige del calcio italiano. E’ cresciuto nelle giovanili del Napoli ed ha esordito in maglia azzurra in Serie A ad appena 17 anni. Ha sfiorato lo scudetto in azzurro nella stagione 1980/81 nel Napoli di Krol e di Marchesi allenatore. Per lui si aprirono anche le porte della Nazionale Under 21. Ancora nel cuore dei tifosi un suo storico gol contro il Torino al Comunale con uno stacco di testa dal limite dell’area».

03 ottobre 2013

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.