Smantellata la fabbrica delle false Hogan: in arresto il titolare e gli operai

La fabbrica a Giugliano era attrezzata a contraffare le scarpe: identiche alle originali

Giugliano continua ad essere la capitale della contraffazione e del parallelo. Gli operai dalle “mani d’Hogan” e il titolare della fabbrica sono stati arrestati questa mattina dalle Fiamme Gialle di Caserta. In manette il 52enne, titolare della fabbrica e tre operai di 41, 31 e 29 anni residenti tra Napoli e Provincia, ognuno con precedenti per contraffazione.

Un’ampia fabbrica: 150mq e 9.000 pezzi sequestrati

I finanzieri, dopo vari giorni di indagini e appostamenti, hanno fatto irruzione nella fabbrica in cui i 4 erano in pieno lavoro. Enormi quantità di merce posta sotto sequestro: si contano circa 9.000 articoli vari accessori, prodotti semilavorati e finiti. Una fabbrica organizzata nei minimi dettagli: 12 i macchinari utilizzati per la riproduzione del marchio “Hogan”, più varie attrezzature utilizzate per l’assemblaggio e la rifinitura dei prodotti. Per la stampa del marchio veniva utilizzato un clichè in ottone.

Una riproduzione dettagliata e di alta qualità

Il titolare aveva calcolato ogni cosa per l’ottima riuscita della contraffazione. Da come possiamo dedurre il 52enne arrestato teneva alla produzione di scarpe e articoli di alta qualità, infatti la sua era un’organizzazione completa, non tralasciava nessun passaggio della lavorazione della merce: la lavorazione delle tomaie, la produzione delle suole in gomma, l’assemblaggio. Insomma una riproduzione dettagliata oltre che parallela!