Posillipo, il 30 è arrivato.

Complimenti Posillipo! Voto 30. Non importa aver giocato contro l’ultima della A1. Vincere aiuta a vincere. Perché si genera un fattore positivo, di continua fiducia reciproca e nei propri mezzi. Inoltre si rodano meccanismi, si amalgama il gruppo, si compatta sempre più il rapporto tecnico/squadra. Successo esterno 16-12 in Liguria. Il Camogli matematicamente retrocesso. Consolidato il quinto posto in classifica.

Questi i parziali dell’incontro: 2-3; 3-4; 2-5; 5-4.

Un primo tempo equilibrato, con i padroni di casa volenterosi e mai arrendevoli. Alle reti di Beggiato e Cupido (che non è il dio della bellezza e dell’erotismo), rispondono il nazionale Gallo, il vicecapitano Saccoia e Renzuto.

A metà match ospiti in vantaggio a +2 sui bianconeri. Sul tabellino la doppietta di Foti e la rete di Iaci, per i partenopei invece Rossi, Saccoia su rigore, Kovacs e Gallo.

Nella terza frazione i posillipini prendono il largo e ipotecano definitivamente l’incontro. Un dominio netto e incontrastato, che permette la conquista dei 3 punti odierni. L’ungherese Toth sigla una doppietta, seguono i gol di Renzuto, Gallo e Kovacs. Rocchi e Bruni provano a limitare i danni.

Nell’ultimo quarto il Camogli tenta di colmare il gap ma il passivo è ormai insostenibile. Il -5 pesa come un macigno. Non c’è più tempo per recuperare lo svantaggio.

Erroneamente espulso Occhiello negli ultimi 8 minuti. Uscito per limite di falli Saccoia. Match-winner indubbiamente Toth con le sue quattro realizzazioni. Incide fortemente il dislivello tattico-valoriale tra le due formazioni. Unica pecca: l’arbitraggio non all’altezza della situazione. Disattento a dir poco.

Nonostante tutto, alè Posillipo.

 

Diego Scarpitti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *