Parte la Mostra Fotografica: Scarti di Terra al Castel dell’Ovo

Installazioni realizzate con materiali di riciclo

di Redazione

Si terrà presso la Sala delle Carceri in Castel dell’Ovo dal 20 febbraio al 04 marzo 2014 la Mostra Fotografica: Scarti di Terra.

Il Movimento Contaminarte e l’Associazione Friarielli Ribelli Guerrilla Gardening hanno organizzato la mostra fotografica sulla diversità: Scarti di Terra.

Scatti di Scarti – o considerati tali da una società che tutto fagocita, tutto dimentica, parzialmente espelle – che Madre Terra ha deciso di mostrarci, piccoli o grandi, dritti o storti che siano, perchè NON CI SONO RIFIUTI O SCARTI le meraviglie della natura sfuggono ai perchè della ragione umana. Splendide foto di frammenti del reale, a volte crude, altre ingenue nella loro semplicità ma comunque rappresentative di freaks (esteticamente, mentalmente, apparentemente ) diversi. La bellezza della diversità sovente è ruvida, grezza, a volte impercettibile altre soltanto immaginata o desiderata. Ed è per questo che l’istallazione è formata con materiali di riciclo e/o considerati poveri, le foto sono volutamente posizionate ad altezza non solita per “costringere” lo spettatore ad abbassarsi per guardare le foto e ad avere così un altro punto di vista, ad estraniarsi dalla massa e a non uniformarsi al pensiero dominante (imposto dai mass-media) che vede/vuole un corpo privo di difetti, che ha come essenza l’apparire,  l’unico modello vincente. Nelle fotografie esposte non si santifica la diversità semplicemente la si rappresenta e la si declina in varie forme convinti che solo la Conoscenza può salvare l’Uomo.

Le fotografie esposte sono di : Massimo Astuni, David de la Cruz, Rosario Miele Landolfo, Luigi Antonio Tufano e frames tratti da Miserere Cantus.

(cortometraggio con la regia di Antonello Matarazzo).

Suggestioni musicali: Angela Amato.

La mostra si può visitare nella Sala delle Carceri in Castel dell’Ovo dal 20 febbraio 2014 al 04 marzo 2014 dalle ore: 9 alle ore 19 – con ingresso gratuito.

16 febbraio 2014

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *