Napoli, una splendida Epifania

Oro, incenso e mirra? Gaspare, Melchiorre e Baldassarre? No! Cavani, Cavani e ancora Cavani. È la notte del Matador. L’uruguaiano, mai in rete con la Roma, firma una tripletta imperiosa. Il Napoli si manifesta nella sua grandezza. Gli azzurri travolgono i giallorossi al San Paolo 4-1, si rilanciano in classifica, scavalcano Fiorentina ed Inter e si riportano al 3ᵒ posto. I partenopei chiudono il girone d’andata a quota 37 punti, all’inseguimento della Lazio a -2 e della Juve a -7.

Al 4’ min, al 48’ e al 70’ le reti dello scatenato e imprendibile Cavani, che si autopremia portandosi a casa il pallone della partita. Pandev, in gran forma, detta i tempi di gioco e suggerisce prima d’esterno sinistro l’assist vincente, poi facendo velo ed infine battendo un calcio d’angolo. Maggio in contropiede sigla il quarto gol al 90’ e chiude definitivamente una gara affascinante ed entusiasmante.  Al 72’ Osvaldo, il Johnny Depp capitolino, subentrato a Destro, accorcia il passivo.

È un Napoli al top, proprio come voleva Mazzarri alla vigilia. Impietrito Zeman per la forza d’urto dei padroni di casa. Un derby del sole a senso unico, illuminato dalle giocate di prima dei partenopei, che non si fanno intimorire dai guizzi di capitan Totti.

Nella classifica marcatori Edinson, che prova ad acciuffare Diego, supera El Shaarawy  e conduce con 16 reti stagionali. Il 36enne Francesco, sulle tracce di Nordhal a 225 segnature, deve rinviare l’appuntamento con il suo 6ᵒ gol in questo campionato.

Napoli, sempre bello di notte. E allora sì la Befana vien di notte. E che notte.

Diego Scarpitti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *