Gabriele Salvatores arriva al Giffoni Film Festival

Dopo Bryan Cranston, Laura Esquivel, arriva alla 47° edizione del Giffoni Film Festival anche il Premio Oscar Gabriele Salvatores

Un nuovo ospite al Giffoni Film Festival 2017. Dopo l’annuncio del primo ospite internazionale, Bryan Cranston, e quello dell’arrivo di Laura Esquivel, alla 47° edizioni della kermesse sarà presente anche il Premio Oscar Gabriele Salvatores. Il regista prenderà parte al festival il 21 luglio per ritirare  il Premio Truffaut 2017, incontrare i giurati, giffoners e i ragazzi della Masterclass. Il regista e sceneggiatore che, tra i vari premi ricevuti vanta anche un Oscar al miglior film straniero per il film Mediterraneo, torna a presenziare alla kermesse dopo 22 anni, la sua ultima apparizione risale infatti al 1995.

gabriele salvatores

 

Gabriele Salvatores: inizi della carriera e la consacrazione

Gabriele Salvatores si avvicina al mondo dello spettacolo attraverso il teatro fondando nel 1972 a Milano (assieme a Ferdinando Bruni) il Teatro dell’Elfo, per cui diresse molti spettacoli. Dopo il teatro fu il momento del cinema. La prima regia cinematografica arriva nel 1983 con Sogno di una notte d’estate in cui sperimenta diversi generi: cinema, teatro, musica e danza.

Tra il 1989 e il 1990 arrivano i film Marrakech Express e Turné. Nel 1990 riceve la candidatura agli European Film Awards nella categoria “Giovani” per Turné. Nel 1990 guida anche la regia dell’unico videoclip girato dal cantautore Fabrizio De André, per la canzone La domenica delle salme. Con Mediterraneo arriva la consacrazione. Giungono infatti il Premio Oscar per il miglior film straniero, tre David di Donatello e un Nastro d’Argento. Un nuovo ospite quindi alla manifestazione che avrà luogo dal 14 al 22 luglio e che porterà in Italia la pop star argentina, Bryan Cranston, attore consacrato dal ruolo di Walter White nella pluripremiata serie tv Breaking Bad, e il regista Gabriele Salvatores che porta nelle sue opere la fuga dalla realtà, la nostalgia e il viaggio.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *