Friday for Future, studenti a Napoli contro i mutamenti climatici: “Non rompeteci il futuro”

Bandiere, striscioni, strumenti musicali per ribadire la mobilitazione contro i mutamenti climatici, con una attenzione particolare verso la Terra dei Fuochi.

Sin dalla prima mattina gruppi di giovani e giovanissimi dalla provincia si sono riversati nel capoluogo campano per Friday for Future.

Friday for Future | E’ un fiume in piena di colori quello che si è riversato nelle strade di Napoli: studenti da ogni parte della città e della provincia si sono diretti verso piazza Garibaldi, da dove è partito il corteo del Friday for Future. Sin dalla prima mattina stracolme le corse di treni e bus che dai comuni dell’hinterland hanno condotto nel capoluogo gruppi di giovani e giovanissimi.

Bandiere, striscioni, strumenti musicali per ribadire la mobilitazione contro i mutamenti climatici (“Non rompeteci il futuro”, “La Terra è una sola”) con una attenzione particolare verso la Terra dei Fuochi, la zona tra le province di Napoli e Caserta spesso al centro dell’attenzione per l’emergenza ambientale dovuta ai roghi tossici e allo smaltimento illegale di rifiuti.

“Basta roghi e veleni”, si legge su uno striscione portato in corteo dagli studenti di Giugliano. Il corteo ha percorso le strade del centro per concludersi in piazza Dante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *