azzurro napoli basket

Finisce anzitempo l’avventura in serie cadetta dell’Azzurro Napoli Basket

Finisce nel peggiore dei modi l’avventura dell’Azzurro Napoli Basket, che aveva iniziato la stagione con tanto entusiasmo..

L’Azzurro Napoli Basket, sorta dalle ceneri del club partenopeo che anni fa militava in A, è sprofondata nuovamente nel baratro. Purtroppo non è stata pagata la quinta rata della tassa federale di circa 12 mila euro ed il team partenopeo verrà automaticamente escluso dal campionato di serie B di basket. Inutile l’appello della società rivolto verso imprenditori locali per aiutare il team a chiudere quanto meno la stagione.

Federico Sambiase, Amm.unico Azzurro Napoli Basket

“E’ davvero dura trovare la forza di commentare il triste epilogo di questa dolorosa vicenda sportiva. L’entusiasmo ed il coraggio con il quale abbiamo intrapreso quest’avventura pochi giorni fa, pur consapevole delle obiettive difficoltà che avremmo trovato davanti, si è immediatamente scontrato con un’oggettiva materiale presa di coscienza delle gravi problematiche gestionali che avevano già contraddistinto il recente cammino dell’Azzurro Napoli Basket. Nonostante tutto, grazie alla straordinaria professionalità e passione degli atleti, dello staff tecnico e di tutti i collaboratori della società, che hanno continuato a dimostrare attaccamento alla società pur tra mille difficoltà, abbiamo cercato di trovare una positiva soluzione ad una situazione di per sè già gravemente compromessa. In questa fase ci era sembrato davvero importante l’ausilio e la collaborazione che l’amministrazione comunale in persona del consigliere Vernetti, aveva rivolto nei nostri riguardi, con il coinvolgimento di imprenditori che avevano a più riprese assicurato attraverso alcune sponsorizzazioni, un concreto aiuto all’Azzurro Napoli Basket.
Purtroppo nonostante le più ampie rassicurazioni a noi pervenute sul buon esito della vicenda fino a poche ore dall’ultima scadenza utile, l’aiuto promesso dai rappresentanti dell’amministrazione comunale non si è materializzato con la conseguente scomparsa della società. Tra le molteplici responsabilità che dobbiamo comunque assumerci per quanto accaduto, una delle più gravi è stata certamente quella di fidarci di poter ricevere un aiuto esterno che sistematicamente non è avvenuto. Alla fine resta l’indelebile rammarico di aver sottoscritto una triste pagina per la pallacanestro napoletana, già tristemente vessata negli ultimi anni, mentre il nostro intento era diametralmente opposto. Ma purtroppo il brevissimo tempo a nostra disposizione si è rilevato un ulteriore acerrimo ed invincibile nemico”.