Edenlandia, l'appello di Peppino di Capri

Edenlandia, l’appello di Peppino di Capri

Peppino di Capri difende Edenlandia e si appella alla Soprintendenza: “Non togliete il parco ai bambini”

Anche Peppino di Capri lancia il suo grido d’allarme per salvare l’Edenlandia. “Mi appello alla Soprintendenza innanzitutto: non lasciate i bambini e le famiglie napoletane privi del loro parco divertimenti. Fate di tutto per riaprire l’Edenlandia superando le intricate pastoie burocratiche”. Le parole del cantante partenopeo, dette a Francesco Emilio Borrelli dei Verdi e Gianni Simioli, ai microfoni del quotidiano approfondimento della Radiazza.

Anche Peppino Di Capri in difesa dell’Edenlandia

“Ogni giorno leggiamo di nuove proteste ma adesso servono fatti. Il primo – hanno spiegato Borrelli e Simioli – è che la Soprintendenza levi il vincolo dalle giostre e autorizzi i lavori nel parco. Il secondo è che le burocrazie della Mostra d’Oltremare e del Comune di Napoli si diano una mossa. Quest’anno dovrebbero svolgersi i festeggiamenti per il 50ennale dalla nascita dell’Edenlandia ma si naviga ancora a vista”.

A questo punto, mentre la situazione diventa sempre più grave, non resta che augurarsi che “le riunioni ed i vertici tra enti previste per venerdì e lunedì prossimi presso la Regione ed il Comune di Napoli siano risolutivi ed operativi per sbloccare la situazione e sopratutto che ognuno si assuma le proprie responsabilità una volta e per tutte anche perchè in ballo ci sono anche i posti di lavoro dei dipendenti del parco.

Leggi anche Edenlandia: “Le giostre che non girano…” / New Edenlandia: la riqualificazione non avrà inizio, stop ai lavori