De Magistris, amministrative: “Considero buono il risultato”

Se avessi avuto disponibilità di tempo per fare veramente campagna elettorale sarebbe stato bellissimo. Avremmo potuto sostenere tante candidature andando sul territorio. Per come ci siamo presentati con liste fatte alla fine, con un movimento nato a gennaio e con tutte le difficoltà, il risultato lo consideriamo buono, può diventare ottimo se il 25 giugno ci sarà la vittoria di Fiorella Esposito ad Arzano e di Josi Gerardo Della Ragione a Bacoli“, così il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, commentando il risultato delle amministrative ed in particolare l’esito in quei comuni dove con il movimento politico demA ha appoggiato i candidati sindaco, otto in tutta italia e due in Campania, nel napoletano ad Arzano e Bacoli, che il 25 giugno andranno al ballottaggio.

 

De Magistris: “Per ora sono molto soddisfatto”

Per ora sono molto soddisfatto – ha precisato il primo cittadino partenopeoanche in Comuni dove era quasi impossibile candidarsi, i nostri candidati sono intorno al 10%. Superiamo movimenti politici che sono da anni sui territori. Per noi è importante cominciare ad esserci, poi ci sarà il momento in cui ci candideremo personalmente, non solo io ma anche tanti della nostra squadra. Sono soddisfatto soprattutto per le persone che abbiamo candidato e sostenuto, tutta brava gente, pulita, tantissime donne e giovani che con entusiasmo, senza risorse economiche hanno fatto una bella campagna elettorale. Questa è demA che ci piace e la politica che guardiamo con interesse. Non ci interessa solo vincere ma convincere“.

 

De Magistris sul M5S: “Non ha convinto nei grandi capoluoghi”

Il sindaco della città metropolitana di Napoli ha fatto poi anche un passaggio sul M5S: “Un Movimento che non ha convinto nei grandi capoluoghi. Credo che i Cinquestelle hanno fortemente smarrito il rapporto con il territorio e che quando hanno governato non hanno convinto. Inoltre in molti luoghi gli apparati di partito sono forti, strutturati e radicati e vengono sconfitti politicamente quando c’è un’alternativa convincente“. “Napoli resta la prima e la più grande anomalia – ha ribadito  –  siamo l’unica esperienza forte che mette insieme alternativa vera, sociale, politica ed economica“.

Alle domande se c’è uno schieramento di sinistra interessante e sulla convention del primo luglio a Roma, indetta da Giuliano Pisapia: “Allo stato non vedo nulla. Basta vedere quello che si agita nei cieli romani è particolarmente confuso e contraddittorio. Basta vedere la fotografia politica che è venuta fuori dal mancato accordo sulla legge elettorale“. Per l’ex pm: “la sinistra tradizionale alla sinistra del Pd non esce rafforzata da queste amministrative, va meglio quando ci sono proposte convincenti, innovative e con persone credibili. Con il solito schema si va in affanno politico“. “Se nel centrosinistra continua ad esserci uno schema di tipo tradizionale – ha sottolineato de Magistris –  è qualcosa che a noi non interessa. Se parliamo invece dell’appello lanciato da Falcone e Montanari, è un bell’appello fatto da persone nuove che io stimo e sono cose che si possono guardare con interesse, ma se sono riposizionamenti algebrici per mutare un po’ le forze nel centro sinistra tradizionale non vedo che ci possa essere una prospettiva di alleanza, non c’è proposta e non c’è novità“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *