Consiglio comunale di Napoli, de Magistris si salva: ok al bilancio per un voto (dopo 18 ore)

Il Comune di Napoli non sarà commissariato, a pochi mesi dalla scadenza naturale della consiliatura.

Il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, si salva e il Comune di Napoli non sarà dunque commissariato, a pochi mesi dalla scadenza naturale della consiliatura. Il Consiglio comunale, dopo una maratona di 18 ore, poco prima delle 4 del mattino, ha infatti approvato il bilancio di previsione 2020 – 2022. Un sì che è arrivato sul filo di lana: 19 i voti favorevoli e 18 i contrari. 37 i presenti in aula al momento della votazione.

Tutte le forze di opposizione M5s, Pd, Iv, Fdi, FI, La Città, hanno votato contro il documento contabile a cui si sono aggiunti i consiglieri che nel 2016 furono eletti nella maggioranza Maria Caniglia, da tempo passata al Gruppo Misto, e Fulvio Frezza eletto a settembre in Consiglio regionale nelle liste a sostegno del presidente De Luca. A consentire al sindaco di portare a casa il risultato, il voto favorevole espresso da Anna Ulleto (ex Pd, ora Gruppo Misto) e le assenze al momento del voto di Salvatore Guangi (FI), Domenico Palmieri (Napoli popolare) e di Nino Simeone (Gruppo Misto).

Durante la lunga trattazione degli ordini del giorno e degli emendamenti, è stata effettuata una nuova pausa perché il consigliere Simeone, che in estate ha subito un delicato intervento, si è sentito male e chiamato il 118 ha lasciato l’aula. Prima di sciogliere la seduta, il sindaco de Magistris ha ringraziato l’aula e sollecitato la convocazione di una seduta per il 14 dicembre per l’approvazione del bilancio consolidato. Proposta accolta all’unanimità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *