16 milioni per un Forum fantasma

Alla fine si farà

Anzi no, si rimanda.

Insomma, faranno una finta alla Maradona, qualche microevento prima dell’estate e poi tutto al 2014.

Nel frattempo arrivano altri 16 milioni, fondi Pac (Piano di Azione e Coesione).

Chiariamoci, il Forum Universale delle Culture era per Napoli sicuramente una buona occasione; in una città intrisa di cultura (anzi di culture) e che vuole recuperare una dimensione internazionale, migliore occasione non poteva esserci.

Invece sono state già spese cifre ingenti (vai a capire come), i debiti sono già circa 2,6 milioni, si sarebbe dovuto iniziare ad aprile 2013 e non c’è nemmeno uno straccio di programma.

Continuo a non capire perché nella nostra città la gestione delle cose sia sempre così superficiale, poco trasparente e meno ancora responsabile.

Vorrei sapere dettagliatamente come sono stati spesi i soldi finora.

Vorrei un piano dettagliato di come si spenderanno i 16 milioni in arrivo.

Vorrei una piattaforma online indipendente dove si possano monitorare le spese, i bandi, gli appalti e gli affidamenti, ed i cittadini possano controllare e partecipare alle scelte.

Vorrei assemblee pubbliche dove collettivamente cittadini, istituzioni, associazioni possano decidere il programma delle iniziative.

Vorrei che non si replicasse l’esperienza del World Urban Forum, al quale ho partecipato, e che è stata un’iniziativa completamente chiusa ed avulsa dal territorio.

Vorrei che una volta tanto sia tutto trasparente, che se ci fossero state irregolarità le si ammettessero ed affrontassero, e che non sia sempre la magistratura alla fine a dover intervenire.

E vorrei che i cittadini napoletani cominciassero a chiedere queste cose a gran voce.

Cambiare Napoli di Marco Ehlardo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *