Stadio San Paolo a rischio chiusura dopo l'accoltellamento

Stadio San Paolo a rischio chiusura dopo l’accoltellamento tra ultrà

Lo Stadio San Paolo non è sicuro e il prefetto Gerarda Pantalone invita Luigi de Magistris e Aurelio De Laurentiis a trovare una soluzione.

Il prefetto di Napoli Gerarda Pantalone è stufa, ora vuole delle risposte concrete, ha deciso così di convocare una riunione del comitato provinciale dell’ordine e della sicurezza pubblica, dove saranno obbligati a parteciparvi anche il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, e il presidente del Calcio Napoli, Aurelio De Laurentiis, entrambi convocati, a cui si chiede di esporre delle idee valide per migliorare la sicurezza all’interno dello Stadio San Paolo.

Lo Stadio San Paolo rischia la chiusura

Tocca dunque al Comune e alla Società colmare le falle, dovranno essere adottati tutti quei provvedimenti che finora sono mancati e che sono invece essenziali ai fini del mantenimento delle misure minime di sicurezza. Altri ritardi, sopratutto dopo quanto successo in Napoli-Samp, non saranno tollerati. Lo Stadio San Paolo altrimenti rischia così la chiusura, anche in parte, o quanto meno sarà vietato ad alcune frange della tifoseria, questo secondo le le indicazioni che arriveranno dalle forze di polizia.