Stadio San Paolo, per due mesi l'anno sarà tutto a disposizione del Comune

Stadio San Paolo, per due mesi l’anno sarà tutto a disposizione del Comune

Nuova convenzione ponte: il Napoli perde per due mesi l’anno la gestione dello Stadio San Paolo, che sarà a completa disposizione del Comune di Napoli.

Come riportato dal giornale Il roma, dal primo di giugno al 20 luglio, lo Stadio San Paolo di Napoli sarà totalmente gestito dal Comune, il club di Aurelio De Laurentiis prederà così l’esclusività per due mesi l’anno. Questo prevede la nuova convenzione ponte tra la Ssc Napoli e l’ente di Palazzo San Giacomo. Il Comune potrà quindi organizzare all’interno dello Stadio San Paolo eventi di ogni genere, nonchè affittare l’impianto a terzi.

Stadio San Paolo: novità sui costi

Altre novità riguardano i costi che dovrà sostenere il Napoli, che da ora pagherà 800mila uero l’anno e non più il 6% sugli incassi netti attuale. In aumento anche la quota sulla pubblicità, non più 45mila uero l’anno, bensì 2,500 euro a partita. A carico della Ssc Napoli anche le utenze e spese di pulizia. Il Napoli avrà però l’uso esclusivo dell’ufficio marketing, dell’area ospitalità e degli spogliatoi. Avrà poi la possibilità di costruire ristoranti con cucina e punti ristoro mobili all’esterno dello Stadio San Paolo.