Salvator Rosa: la metro fa acqua da tutte le parti (VIDEO)

Copiose perdite d’acqua nella metro linea 1 alla fermata Salvator Rosa. La segnalazione di una nostra lettrice

Copiose perdite d’acqua nella metro linea 1 alla fermata Salvator Rosa. La segnalazione di una nostra lettrice

di Redazione

La metro di Salvator Rosa, è proprio il caso di dirlo, fa acqua  da tutte le parti. Acqua dalla provenienza misteriosa che scorre  nell’androne, sulle scale mobili, sulla banchina per l’attesa del treno e sui binari. Una situazione che va avanti da almeno 3 o 4 giorni. In particolare è la banchina per l’attesa del treno che va da Piscinola a piazza Garibaldi ad essere completamente allagata a causa di perdite continue, di cui però si ignorano le cause.

GUARDA IL VIDEO:

 

Come a Rione Alto.

Un problema non nuovo per la metropolitana collinare. Come segnalato da Road Tv Italia, lo scorso settembre anche la fermata di Rione Alto fu afflitta dalle stesse misteriose perdite d’acqua. Uno scenario che si ripete sempre uguale: secchi per raccogliere l’acqua in eccesso, addirittura scope e pezze per asciugare il pavimento e evitare incidenti.

Transennate le zone “a rischio”.

Addirittura le zone “rischiose”, quelle dove l’acqua gocciola senza tregua sul linoleum, sono state transennate, per impedire il passaggio dei pendolari che potrebbero scivolare sul bagnato. Ma non è tutto: l’acqua scorre anche sui fili dell’illuminazione elettrica, rendendo concreto il rischio di un cortocircuito. Nel video inviatoci dalla nostra lettrice si vedono anche i primi danni provocati dalle perdite: scorrendo su una delle pareti in ferro del tunnel della metro, l’acqua sta corrodendo la vernice che la riveste, mentre in alcuni punti sui pannelli in plexiglass che rivestono la parete alle spalle del binario sono visibili grosse macchie di calcare che si espandono di giorno in giorno. Nell’attesa di un intervento (speriamo tempestivo) da parte di chi di dovere, si consiglia caldamente agli utenti di munirsi di impermeabile e scarpe antiscivolo. Anche perché, in caso di caduta, ottenere un risarcimento potrebbe risultare alquanto complicato.

26 febbraio 2014