La SSC Napoli contro Vasco Rossi, lite con gli organizzatori del concerto al San Paolo

La SSC Napoli contro Vasco Rossi, lite con gli organizzatori del concerto al San Paolo

La SSC Napoli contro Vasco Rossi, è lite con gli organizzatori Fast Foward, i quali hanno già rovinato il manto erboso dello stadio San Paolo, come da foto.

Il 3 luglio Vasco Rossi sarà al San Paolo per la sua tappa del tour Vasco Live Kom 015, ma è polemica con il club azzurro, la SSC Napoli contro Vasco Rossi e i suoi organizzatori, i quali avrebbero già rovinato il manto erboso della Stadio a causa della posa dei primi pannelli di alluminio. La società ha infatti pubblicato ieri su Twitter foto del campo e il commento: “Ecco come si presenta il manto erboso del San Paolo dopo la messa in opera dei primi pannelli utilizzati per il concerto di Vasco Rossi”.

SSC Napoli contro Vasco Rossi: lo staff di Fast Forward risponde

Giuseppe Gomez, in rappresentanza della Fast Forward, ha risposte subito alle accuse mosse dalla società partenopea, affermando che “saranno adottate ulteriori precauzioni e faremo gli straordinari per completare i lavori in tempo. E’ il protocollo che utilizziamo per i concerti che svolgiamo in tutta Italia. Ce la faremo. Comunque sostituiremo le zolle rovinate a nostre spese seguendo le indicazioni del Napoli”.

SSC Napoli contro Vasco Rossi: interviene nella discussione anche il Comune

Sull’argomento e la “Lite” tra il club e gli organizzatori del concerto, è intervenuto anche Ciro Borriello, assessore allo Sport, il quale sottolinea quanto “fare concerti con artisti internazionali del livello di Vasco Rossi e Jovanotti è un onore per la città che li ospita. Le polemiche, cui stiamo assistendo in questi giorni e da ultimo in queste ore, sono davvero speciose ed inutili, come quella della mancata comunicazione dell’inizio lavori regolarmente inviata. Queste polemiche fanno solo male all’immagine della Città”.