La Regione Campania contro la chiusura dell’Ufficio del Giudice di Pace di Marano

Si è svolto l’incontro con tutti i sindaci, convocato dal Presidente Vincenzo De Luca per evitare la chiusura dell’Ufficio del Giudice di Pace di Marano

Si è svolto a Palazzo Santa Lucia l’incontro con tutti i sindaci, convocato dal Presidente Vincenzo De Luca per definire gli interventi da assumere per evitare la chiusura dell’Ufficio del Giudice di Pace di Marano

Si è svolto ieri a Palazzo Santa Lucia l’incontro con tutti i sindaci direttamente interessati, convocato dal Presidente Vincenzo De Luca per definire gli interventi da assumere per evitare la chiusura dell’Ufficio del Giudice di Pace di Marano. “La Regione – si legge nella nota – ha assunto una serie di iniziative concordate con l’Ordine degli Avvocati dell’area Nord con il suo Presidente Mallardo e i sindaci, a cominciare dall’assegnazione di personale e di sostegno finanziario nell’ambito dei progetti già attivi in Regione in tema di formazione e di legalità”.

Tutto questo avviene anche alla luce  dell’incontro tenutosi tra i due presidenti, da una parte quello della Regione Campania, Vincenzo De Luca, mentre dall’altra quello dell’Ordine degli Avvocati di Napoli Nord, l’Avv. Gianfranco Mallardo, quest’ultimo accompagnato dal Consigliere l’Avv. Clorinda Maisto.

L’impegno della Regione Campania

La Regione si è impegnata a garantire inoltre opere strutturali e supporto tecnologico. Il Presidente De Luca e i sindaci hanno quindi sottoscritto una lettera indirizzata al Ministro della Giustizia con cui si chiede un intervento diretto per il mantenimento dell’Ufficio del Giudice di Pace di Marano trasformandolo in sede di competenza ministeriale. A condividere e sottoscrivere l’atto formale e’ stato anche il sindaco di Giugliano, insieme ai sindaci di Marano, Melito, Mugnano, Calvizzano, Qualiano, Villaricca“.

La Regione si era già fatta garante con il Presidente Mallardo di mettere in atto tutte le iniziative necessarie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *