Forcella: ancora spari nella notte a Napoli, morto il baby boss Emanuele Sibillo

Forcella: ancora spari nella notte a Napoli, morto il baby boss Emanuele Sibillo

Forcella: ucciso il baby boss Emanuele Sibillo, freddato da un colpo alla schiena a soli venti anni.

Sempre più complicata la situazione nei quartieri difficili di Napoli, dove in pochi giorni sono stati feriti tre minorenni e nella notte ha purtroppo perso la vita un ragazzo, pregiudicato, di soli 20 anni. Il nome della vittima è Emanuele Sibillo. Sul luogo la polizia ha trovato 13 bossoli di tre calibri diversi, mentre la vittima presentava una ferita alla schiena, provocata da un solo colpo. Il tutto è avvenuto nel cuore di Forcella.

Forcella fuori controllo

Il ragazzo era latitante dal 9 giugno scorso, dopo il blitz effettuato contro i clan del quartiere Forcella. Emanuele Sibillo, che apparteneva a uno dei clan che si contendono il controllo delle attività illegali nel centro di Napoli, a suo carico aveva reati per: associazione a delinquere di stampo mafioso ed estorsione. Era poi coinvolto nell’omicidio di un ragazzo davanti ad una discoteca di Pozzuoli, che aveva negato una sigaretta, poiché sprovvistone, ad un elemento del clan.