Città Metropolitana: de Magistris criticato dal Pd per le sue nomine

Città Metropolitana: de Magistris criticato dal Pd per le sue nomine

Il sindaco Luigi de Magistris, della Città Metropolitana di Napoli, duramente contestato dal Pd per le sue ultime nomine.

I partiti di Forza Italia e del Partito Democratico, hanno criticato le ultime decisioni prese dal primo cittadino della Città Metropolitana di Napoli, bacchettato per aver nominato assessori cinque consiglieri dello stesso partito, Bene Comune. Il segretario dei democratici, Venanzio Carpentieri, assieme con il capogrupppo Pd in Consiglio metropolitano, Luca Mascolo, in una nota si sono infatti rivolti a Luigi de Magistris con tono critico, riguardo le sue scelte: “Esprimiamo un giudizio fortemente critico sulla decisione di de Magistris di attribuire in modo parziale ed estemporaneo le deleghe ad alcuni consiglieri metropolitani. In maniera unilaterale e senza alcun preventivo confronto politico, il sindaco opta per soluzioni che appaiono più dettate dall’esigenza di puntellare l’esigua maggioranza al Comune di Napoli che non dalla volontà di assicurare piena funzionalità all’Ente il cui statuto è stato da pochi giorni approvato”.

Città Metropolitana: de Magistris manca di sensibilità politica

La nota scritta dai due democratici continua sottolineando che “il metodo che sta adottando De Magistris rischia di svilire l’opera fin qui compiuta e lo stesso lavoro svolto con approccio unanime dal consiglio metropolitano. Rileviamo, infatti, nelle scelte di queste ore, una evidente mancanza di sensibilità politica e riteniamo non sia questo il modo per poter governare una istituzione che continuiamo a ritenere potenzialmente di grande importanza per la comunità di Napoli e per l’intera sua provincia”.