Bagnoli, sarà Salvo Nastasi il commissario straordinario

Bagnoli, sarà Salvo Nastasi il commissario straordinario

Il commissario straordinario di Bagnoli sarà Salvo Nastasi, attuale direttore generale del Mibac. Renzi ha scelto, anche se manca ancora l’ufficialità.

Come accade per le notizie di calciomercato manca solo l’ufficialità, dato che come promesso da Matteo Renzi, ieri, non c’è stata la nomina nel consiglio dei ministri, ma il nome del commissario straordinario per la bonifica e la riqualificazione dell’ex area Italsider di Bagnoli, secondo i ben informati, sarà quello di Salvo Nastasi, ex commissario anche per il Teatro San Carlo di Napoli. Ora bisogna solo fare ordine e risolvere alcuni piccoli problemi tecnici, dopodiché Salvo Nastasi potrà lasciare il suo ruolo di direttore generale del Mibac e iniziare la sua nuova avventura come commissario di Bagnoli, una sfida per il giovane 42enne non facile, date le tante problematiche che incontrerà nell’ex Italsider.

Salvo Nastasi commissario?

Intanto ieri, quelli che aspettavano una risposta da Matteo Renzi, sono rimasti nuovamente delusi, come il sindaco di Napoli Luigi de Magistris, che prima ancora che circolasse il nome di Salvo Nastasi scriveva: “Il Commissario? Si conferma essere un fantasma, Renzi ci sta facendo perdere tempo, questo governo non solo non aiuta Napoli ma la danneggia. Non verrà un commissario perché è fuorilegge. Bagnoli ha bisogno di persone perbene che si mettano a lavorare. C’è un piano varato dal consiglio comunale che Renzi ben conosce. È la Costituzione che ci indica la strada, sono i cittadini e i loro eletti che devono decidere cosa fare a Bagnoli. Non c’è bisogno di cose straordinarie ma di ordinarietà. De Luca commissario? Non è questione di nomi, noi siamo contro l’istituto del commissario”.