100 morti nel teatro Bataclan a Parigi

Più di 100 morti nel teatro Bataclan a Parigi. L’Isis: “i francesi non dimenticheranno il 14 novembre”

100 morti nel teatro Bataclan. L’Isis: “Ricordate il 14 novembre di Parigi. Non dimenticheranno mai questo giorno, così come gli americani l’11 settembre”

La notizia è di adesso almeno 100 morti all’interno del teatro Bataclan di Parigi. Uccisi tre terroristi.

Più di 100 morti nel teatro, il bilancio è destinato a salire

L’ostaggio aveva ragione, la carneficina era in atto mentre la polizia stava organizzando il blitz per liberare gli ostaggio all’interno del locale francese. Potrebbero essere più di 140 i morti nel teatro Bataclan che sono stati ritrovati dopo l’assalto delle forze di sicurezza francesi. Questo sembra essere il primo bilancio di fonti della polizia, destinato a crescere.

I terroristi “hanno ucciso a freddo molti ostaggi, poi ricaricavano e ne uccidevano altri”. Un testimone, riuscito a fuggire dal teatro, così a dichiarato alla Cnn.  Un racconto agghiacciante. I terroristi, spiega il testimone, avrebbero ucciso gli ostaggi del Bataclan “ad uno ad uno”. Si tratta di un giornalista radiofonico, Julian Pearce, che spiega di aver udito colpi di arma da fuoco durati almeno dieci minuti, prima di riuscire a fuggire dal teatro.

La rivendicazione del califfato e le nuove minacce all’Europa

L’Isis rivendica dichiarando: La Francia non dimenticherà mai il 14 novembre, sarà per loro come l’11 settembre americano. “Dopo Parigi, ora tocca a Roma, Londra e Washington” è il sinistro proclama che accompagna le celebrazioni dei sostenitori del Califfato, su Twitter. Non mancano le minacce a Spagna e Portogallo, territorio dell’antico Califfato in Europa.

Isis minaccia Napoli: “Pittureremo le strade di sangue”

oi, mai così sinistra, è arrivata la rivendicazione ufficiale del Califfato: “La Francia manda i suoi aerei in Siria, bombarda uccidendo i bambini, oggi beve dalla stessa coppa” è quanto afferma il canale Dabiq France (la rivista francese dello Stato islamico) assumendo la paternità degli attentati.

“Ricordate, ricordate il 14 novembre di #Parigi. Non dimenticheranno mai questo giorno, così come gli americani l’11 settembre”.

In Italia si è alzato il livello di guardia. Il ministro dell’interno Alfano, in contatto con il capo della Polizia Dott. Pansa, ha disposto l’immediato innalzamento dei livelli di sicurezza in Italia. “L’antiterrorismo è in costante contatto con i colleghi francesi per seguire con estrema attenzione ciò che accade in Francia anche allo scopo di disporre ulteriori interventi preventivi”.