YallaFest: il festival dell'intercultura arriva a Napoli dal 25 al 27 settembre

YallaFest: il festival dell’intercultura arriva a Napoli dal 25 al 27 settembre

A Napoli arriva YallaFest, il primo festival dell’intercultura che avrà luogo dal 25 al 27 settembre presso Piazza Dante. Un evento da non perdere

Arriva YallaFest, il primo festival dell’intercultura organizzato dal Servizio Regionale di Mediazione Culturale YALLA e patrocinato dal Comune e dall’Accademia Di Belle Arti di Napoli. L’evento avrà luogo dal 25 al 27 settembre, e partirà proprio questo venerdì in piazza Dante, alle ore 17.00 dove ci saranno: musica, dibattiti, libri, arte, teatro, enogastronomia e tanti giochi.

In un momento drammatico per la difficoltà di costruire risposte al dramma dei profughi fuori dalla retorica dell’assedio, queste giornate in piazza Dante vogliono essere uno sguardo che va oltre le narrazioni tossiche del razzismo e della paura. YALLA FEST si misurerà con questi temi criticando la logica dell’emergenzialismo e al tempo stesso raccontando, con la voce diretta dei protagonisti, la riorganizzazione sociale e culturale che anima questa Campania che ci piace! Il cambiamento della costituzione materiale della nostra società cui non sempre la politica riesce a stare dietro“, questa è la nota presentata dal Festival.

YallFest: l’elenco completo degli ospiti

Tanti gli ospiti: da Jovine agli E’Zezi, Maurizio Capone, The Gentlemen’s Agreement, Franco Del Prete e Dolores Melodia, ma anche gli srilankesi Paragon, l’Orchestra Multietnica Mediterranea, Gabriella Ghermandi & gli Atse Tewodros Project, The Gentlemen’s Agreement, Massimo Andrei, Sandro Joyeux, Valerio Jovine, Franco Del Prete & Sud Express, Maurizio Capone, Zezi & Massimo Ferrante, Dolores Melodia, Orchestra Multietnica Mediterranea, Rete Co’ Mar’, Delirio Creativo, Collettivo Irmao, Compagnia di K, Mihretu Ghide & Panacea, Paragon, Alessio Arena, Elvira Ricotta Adamo, Djarah Akan, Gladys Basagoitia, Mario Vezza & Alessio Perisano, Marcella Tagliaferri & la cucina della Kumpania e tanti altri.