Vomero, scale di via Cimarosa ferme: da mobili diventano immobili

Vomero, scale di via Cimarosa ferme: da mobili diventano immobili

Non è più sopportabile il disservizio delle scale di via Cimarosa, ferme ormai da troppo tempo e senza una reale motivazione. Il Vomero vuole delle risposte

Il ‘Comitato dei Valori collinari‘, tramite il presidente Gennaro Capodanno, sono pronti ad organizzare un Flash Mob di protesta contro il disservizio delle tre rampe di scale mobili che collegano la funicolare Centrale di piazza Fuga (nei pressi di piazza Vanvitelli) alla funicolare di San Martino, Vomero. Un disagio che i cittadini vomeresi devono subire da anni, in quanto a turno dalla loro inaugurazione sono sempre state più volte ferme, tanto che ora vengono chiamate ‘Scale Immobili’.

In particolare, oggi, sono le scale di via Cimarosa ad essere ferme da ormai troppo tempo, come afferma il prof. Capodanno: “L’ultimo guasto, che dura da diverso tempo, riguarda la rampa di collegamento presente in via Cimarosa, nei pressi della stazione superiore della funicolare Centrale, benché il motivo di tale fermo e la sua presumibile durata sono, allo stato, del tutto ignoti, dal momento che dal laconico cartello affisso sulla grata, chiusa con catenaccio, si apprende semplicemente che il fermo è generato da un non meglio precisato ‘atto vandalico’. Nulla si sa anche sui tempi di ripristino della piena funzionalità dell’impianto, laddove al riguardo sullo stesso cartello si legge ‘stiamo lavorando per ripristinare l’impianto’, mentre, per la verità, sui luoghi operai al lavoro non se ne vedono“.

Inutile il sistema di videosorveglianza delle scale di via Cimarosa

Altra domanda che pone il presidente Capodanno all’amministrazione comunale riguarda le telecamere preposte al controllo della scale di via Cimarosa: “Ciò che lascia più perplessi è il fatto che queste scale sono monitorate da un sistema di videosorveglianza, posto sia a monte che a valle. A meno che queste telecamere, come altre installate nel popoloso quartiere collinare, non siano in funzione la qual cosa non renderebbe possibile stabilire gli autori di questi gesti vandalici per i provvedimenti consequenziali”.

Soldi buttati al vento

Il collegamento intermodale costò 4 miliardi delle vecchie lire ricorda Capodanno e non ha mai funzionato alla perfezione, chiedendo più volte “che venisse istituita una commissione d’indagine anche al fine di verificare i motivi di questi frequenti guasti, individuando anche i responsabili, e le ragioni dei lunghi tempi di riparazione“. Il Vomero è stanco di avere un servizio a metà e sopratutto di non conoscere i reali motivi di questi continui disagi, così prossimamente il ‘Comitato dei Valori collinari’ ha annunciato che scenderà in campo con iniziative di civile protesta, tra le quali un flash mob.