Vaccino Covid, l’Ue autorizza il contratto con Pfizer/Biontech

In uno scenario positivo, le prime dosi del vaccino sviluppato da Pfizer e Biontech potrebbero arrivare già verso la fine del 2020 o all’inizio del 2021

In uno scenario positivo, le prime dosi del vaccino sviluppato da Pfizer e Biontech potrebbero arrivare già verso la fine del 2020 o all’inizio del 2021

Il collegio dei commissari europei “ha autorizzato un quarto contratto” di preacquisto, con “Pfizer e Biontech“, dopo quelli già firmati con altre tre compagnie farmaceutiche, che consentirà di comprare “fino a 300 mln di dosi” del vaccino contro Covid-19, se sarà “efficace e sicuro“. Ne dà notizia a Bruxelles il portavoce capo della Commissione Europea Eric Mamer.

In uno “scenario positivo“, le prime dosi del vaccino sviluppato da Pfizer e Biontech potrebbero arrivare già verso “la fine del 2020 o all’inizio del 2021” è la previsione della commissaria europea alla Salute Stella Kyriakides che, in conferenza stampa a Bruxelles, ha invitato comunque a prendere le date con prudenza, perché prima che il vaccino arrivi ai cittadini occorrono una serie di passi ulteriori, inclusa “l’autorizzazione da parte dell’Ema“.

Nel processo “non ci saranno ritardi” ma, ha sottolineato, il vaccino non sarà “la bacchetta magica” che farà sparire Covid-19 “dalla sera alla mattina. Dobbiamo dare i messaggi giusti: c’è speranza, ma dobbiamo assicurarci che si continuino ad applicare le misure preventive” contro i contagi, ha concluso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *